Sarah Fonteyna Extremely squirt GIF
Sarah Fonteyna Extremely squirt GIF
Blog e Guide

Guida allo squirt

L’eiaculazione non è una peculiarità unicamente maschile, anche le donne, tutte, chi più chi meno, possono rispondere all’orgasmo con l’eiaculazione.
L’eiaculazione femminile è abbastanza rara e non tutte la sperimentano con facilità, spesso il motivo è anche psicologico. In termini tecnici si parla di squirting o gushing. Se durante l’eiaculazione femminile il liquido è espulso con violenza e a getti si parla di Squirting, se invece le quantità sono minori e la forza d’espulsione bassa si parla di Gushing.
Lo Squirting:
Lo squirting è una particolarità dell’ eiaculazione femminile che consiste nella fuoriuscita di un liquido dall’uretra, ultimo tratto delle vie urinarie, a seguito delle contrazioni muscolari che si sviluppano nelle strutture genitali durante l’orgasmo provocato dalla stimolazione del punto G o del clitoride e in particolare della ghiandola di Skene . Molti confondono questo liquido con l’urina, ma non è affatto così. Questo liquido fu infatti analizzato per la prima volta nel 1981 da un team di scienziati, i quali giunsero alla conclusione che si trattava di una sostanza molto similare allo sperma maschile. Di certo non si trattava di urina.
Lo squirting: da cosa è provocato
Come già detto, lo squirting è legato alla stimolazione del punto G che, a dispetto del nome, non è un punto definito, ma un’area più o meno estesa che si trova all’interno della vagina in corrispondenza della vescica. Gli scienziati ci insegnano che il nostro punto G altro non è che il corrispettivo della prostata maschile.
Il funzionamento dello squirting è stato spiegato per la prima volta in maniera completa nel 2002 dall’endocrinologo italiano Emanuele Jannini. Il liquido dello squirting viene prodotto da alcune ghiandole che si trovano intorno all’uretra. Queste ghiandole si riempiono di liquido durante l’attività sessuale, per poi svuotarsi con l’orgasmo. Grandezza e quantità di queste ghiandole varia da donna a donna, e proprio per questo non tutte possono provare l’esperienza dello squirting.
Diverse donne che hanno provato l’ eiaculazione femminile, in particolare lo squirting affermano che è strettamente collegato alla stimolazione del clitoride o del punto G. Alcune dicono di provarlo solo con un uomo che amano profondamente e col quale vivono un’intimità molto coinvolgente. Altre invece raggiungono lo squirting solo tramite la masturbazione. Alcune addirittura sostengono di esserci arrivate solo dopo anni e anni di costante masturbazione del punto G.
Secondo chi l’ha provata, l’eiaculazione femminile sarebbe un’esperienza profondamente piacevole e soddisfacente. Ma allo stesso tempo esistono numerose donne che non l’hanno mai provata, ma hanno comunque una vita sessuale appagante. Come sempre, in fatto di sesso, ogni donna è fatta in modo diverso e vive un’esperienza a sè.
Come fare
“Imparare” a raggiungere lo squirting (eiaculazione femminile) è possibile! In giro per il web troverete molte tecniche; noi vi suggeriamo questa.
Il vostro uomo può trovare provare a leggere questa guida per aiutarvi a raggiungere quella meravigliosa sensazione dell’eiaculazione femminile .
Il tutorial è strutturato in tre sezioni:
1. La vostra anatomia – Le parti importanti del tuo corpo
2. Il processo e le tecniche per squirtare – con schemi didattici dettagliati
3. Domande comuni e come sfatare alcuni miti fastidiosi sullo squirting
1. la vostra anatomia
Prima di imparare le tecniche da utilizzare per squirtare, è importante comprendere la propria anatomia. Nella sezione trasversale della vagina nella parte superiore della pagina, è possibile vedere dove sono le importanti caratteristiche anatomiche .
E’ importante notare che la posizione del punto G . Alcuni medici ancora contestano la sua esistenza , ma crediamo fermamente che esiste, è la sensibilità varia da persona a persona e da situazione a situazione .
Il punto G sarà la zona più importante su cui concentrarsi se volte imparare a squirtare .
Si trova sulla parete superiore della vagina , a 3 e 7 cm dal suo ingresso il punto G è difficile da trovare quando non è evidente. Tuttavia , quando si è eccitato diventa gonfio, quando diventa più grande, si può sentire una zona morbida, spugnosa e leggermente rugosa al tatto, la consistenza è simile al lato superiore della bocca, ma molto più morbida
Quando si inizia a stimolare il punto G, si va a stimolare anche una ghiandola appena sopra che si chiama la ghiandola di Skene (chiamato anche prostata femminile). La ghiandola di Skene è quella che provoca l’eiaculazione femminile. responsabile, ma non si può stimolare direttamente in quanto non è in realtà sulla parete interna della vostra vagina, ma è appena sopra il vostro punto G, si può stimolare solo indirettamente, quando si stimola il punto G. La dimensione varia e la mancanza di una ghiandola di Skene è il motivo per cui alcune donne possono facilmente spruzzare, mentre altre hanno difficoltà a provare l’eiaculazione femminile.
IL CLITORIDE
La maggioranza delle donne prova le sensazioni di piacere solo attraverso la stimolazione del clitoride, spesso durante un rapporto la donna ricorre alla stimolazione manuale per provare l’orgasmo, ma quando imparano a squirtare, è come provare per la prima volta il vero orgasmo e quello dato dal clitoride non sarà così importante, la stimolazione del punto G riesce a donare orgasmi molto più intensi.
2. IL PROCESSO e le TECNICHE PER LO SQUIRTING
Una delle cose fondamentali imparare a squirtare è la comprensione e la voglia di ottenerlo, non capita seguendo meccanicamente le tecniche. C’è bisogno di mettersi nella giusta atmosfera e prendersi tutto il tempo necessario, rilassate e comode e non rassegnarsi se le prime volte non riesce, non sempre riesce al primo tentativo c’è bisogno di fare un pò di sperimentazione per scoprire cosa funziona meglio.
Iniziare con qualche cosa che vi fa eccita, una lettura erotica, un film porno, il vostro compagno che vi massaggia, oppure se siete sole utilizzate un vibratore o un dildo.
Mentre ti stai eccitando, non preoccuparti di stimolare il tuo punto G concentrati sulle altre zone del corpo, Idealmente, dopo circa 10-20 minuti il punto G sarà diventato più grande e più sensibile e sarà più facile trovarlo con le dita. E’ situato sulla parete superiore della vagina, come indicato nello schema seguente.

 

Ognuno reagisce in modo diverso a queste tecniche di seguito. Quindi dovrete fare delle prove per individuare ciò che funziona meglio per voi .

TECNICA DEL GANCIO

Il gancio è la migliore tecnica per ottenere lo squirting utilizzando le mani, per eseguirla, sdraiatevi sulla schiena, con il palmo rivolto verso il vostro stomaco, inserite o fate inserire medio e anulare nella vostra vagina, lasciando il dito indice e il mignolo esterno rivolti verso il basso, verso il letto, come nel diagramma seguente.

Ora, è necessario individuare il vostro punto G con la punta delle dita, iniziate o fate esplorare, massaggiando delicatamente l’interno della vostra vagina. Ci sono un certo numero di modi diversi per massaggiare e stimolare il vostro punto G utilizzando la tecnica del gancio, si sentirà una zona morbida, spugnosa e leggermente rugosa al tatto, la consistenza è simile al lato superiore della bocca, ma molto più morbida, quello è il punto da stimolare.

Premi il pulsante – È possibile stimolarlo premendo ripetutamente con le dita come si farebbe premere un pulsante, dovete sperimentare quanta pressione è ideale per voi, per alcune è sufficiente un pressione leggera, mentre altra hanno bisogno di forti pressioni, iniziate o fate iniziare con pressioni leggere e andate aumentando la pressione, se a farlo è il vostro compagno, aiutatelo a capire capire la pressione ideale per voi quando sentite che è piacevole.

Il Massaggio – E’ possibile stimolare il punto G con la tecnica del “Cenno” muovete o fate muovere le dita dentro la vagina con un movimento tipo “Vieni qui” detto appunto movimento ‘cenno’ questo consentirà alla punta delle dita di eseguire un massaggio al punto G, fornendo molto più stimoli. Anche in questo caso, dovete sperimentare la quantità di pressione da applicare e la posizione esatta dove si va applica la pressione.
Le prime due tecniche possono affaticare le dita e polso abbastanza rapidamente.
Tecnica Shaker – Lo scuotitore è come una combinazione di premi il pulsante & cenno … Invece di usare le dita e la mano di fornire stimoli, utilizzerà l’intero braccio, in genere per farla serve un compagno. Una volta individuata la posizione dovrà tenere le dita saldamente in posizione, con le punte che premono contro il vostro punto G , inizierà a utilizzare il braccio intero per fornire una pressione all’interno, mantenendo il braccio abbastanza rigido alzando ed abbassando rapidamente, con questa tecnica il vostro compagno sarà in grado di fornire una pressione molto forte e continua per un tempo più lungo sul punto G è quasi garantito che riuscirà a farvi squirtare.
RACCOMANDAZIONI FONDAMENTALI PER LEI. Il gonfiore delle ghiandole di Skene può essere associato allo stimolo di fare pipì, questo semplicemente perché la ghiandola di Skene si trova proprio accanto alla vescica e inizierà a provocare pressione sulla vescica gonfiandosi, NON CERCATE DI FERMARE QUESTO STIMOLO , lasciatevi andare anzi spingete come per soddisfare lo stimolo di fare pipì, per molte è difficile superare questa situazione ma è necessario lasciarsi andare per ottenere lo squirting.
RICAPITOLANDO
Per l’eiaculazione femminile, prima di tutto:

  1. Trovare il muscolo che si colloca intorno alla parte dell’uretra all’interno della vagina.
  2. Usare indice e medio per penetrare la vagina
  3. Posare il palmo della mano sul clitoride come a volerlo contenere
  4. Muovere la mano su e giù in modo da stimolare il clitoride e allo stesso tempo massaggia l’interno della vagina con le due dita.

 

Quando sentirai una sensazione simile a quella che hai quando devi fare la pipi, non ti fermare continua, anzi aumenta il ritmo, quando sei vicino all’orgasmo spingi fuori la parte della uretra, lasciati andare, il liquido uscirà, forse come un spruzzo o un getto.

 

5/5 - (1 vote)

You may also like

Comments are closed.