Il mio EX

Ciao a tutti, finalmente dopo molto tempo in cui non mi capitavano più avventure degne di essere raccontate ho trovato lo spunto in un paio di occasioni, così ora spero di rendevi partecipi alle sensazioni che ho provato.
Veniamo allora al racconto della mia ennesima scappatella. È successo qualche sera fa, tornando dal lavoro mi sono imbattuta in un amico di vecchia data, uno dei prima ragazzi con cui ho condiviso i primi palpeggiamenti ma niente più.
Dopo qualche battuta ed i soliti convenevoli (come va, cosa fai ecc.) ci siamo ripromessi di sentirci per raccontarci un po’ di ciò che ci era accaduto in questi anni, così ci siamo scambiati i reciproci numeri di cellulare.
Detto fatto, la sera stessa il mio telefono squilla, è lui che mi chiede se fossi stata libera per la sera successiva.
Accettai visto che mio marito era fuori per lavoro e ci accordammo per andare a bere un aperitivo dopo il lavoro.
Una volta al bar discutemmo del più e del meno per poi finire ai ricordi dei primi baci scambiati e delle cose non fatte ma ardentemente desiderate da entrambi.
I discorsi si fecero sempre più piccanti fino a che lui spudoratamente mi disse che voleva fare l’amore con me.
Dal canto mio non volevo fargli capire che sarei finita anche subito nel letto con lui perché quei discorsi avevano portato l’eccitazione in me ad un livello molto alto, ma feci la difficile e dissi se era impazzito.
Sembrava avere desistito dal provarci ma nel tragitto verso casa una sua mano è finita sulla mia coscia.
Non ce la facevo più il tatto della sua mano sulla mia pelle mi ha fatta bagnare ancora più di quello che gia ero.
L’ho lasciato fare e la sua mano si è fatta sempre più audace e pian piano si è spinta prima sotto la gonna per poi cominciare a frugare in mezzo alle mie gambe.
Mi sembrava di essere tornata ragazzina quando quei tocchi mi facevano gemere e godere, ma questa volta non volevo fermarmi li e soprattutto non lo voleva nemmeno lui.
Arrivammo a casa sua e prima di salire lui fece una telefonata, pensavo dovesse vedere se la moglie fosse in casa visto che mi aveva detto che non cera e sarebbe rientrata tardi, così lo attesi in auto.
Finita la chiamata salimmo in casa, e in men che non si dica ci ritrovammo nudi distesi sul letto.
Ero sdraiata lui sopra di me che mi baciava prima la bocca poi il collo ,le orecchie e poi il seno.
Scendeva lentamente senza tralasciare un briciolo di pelle fino a quando si è trovato li in mezzo alle mie gambe, iniziò a leccare la mia figa delicatamente per poi fare scivolare all’intirno uno poi due poi tre dita.
Non ce l’ho fatta sono venuta subito lasciandomi andare a gemiti che non erano mio solito.
L’ho fermato, l’ho fatto stendere ed ho cominciato a succhiare la sua asta delicatamente.
Una volta ben bagnato l’ho masturbato passando la mia lingua sul suo glande che sembrava dovesse scoppiare da un momento all’altro.
Facevo scivolare la mia lingua su e giu’ fino alle palle cosa che gli procurava dei brividi a cui però non voleva sottrarsi. L’ho ripreso tutto in bocca ed è esploso, il suo sperma ha invaso la mia bocca senza nessun preavviso.
Pensavo che non ce la facesse più invece il suo pene non accennava a perdere l’erezione (cosa che a me faceva solo felice).
Ormai mancava solo l’atto finale.
Mi alzai mi misi sopra di lui, e accompagnai la sua asta al mio buco.
Ero talmente fradicia che è scivolato tutto dentro senza nessun problema, era stupendo, quello su cui avevo fantasticato mille volte da ragazzina si era avverato, il suo pene era dentro di me e mi stava scopando.
Mi muovevo come una troia, avevo degli arretrati con questo ormai uomo e li volevo avere tutti quella sera.
Di li a poco sono venuta ancora, e quando lui ha sentito il mio piacere non ce l’ha fatta più ed ho sentito il suo sperma per la seconda volta invadermi, ma questa volto il suo calore era all’interno e non in bocca.
Ormai ero in estasi, ci siamo sdraiati per una piccola pausa, poi lui si è alzato e mi ha detto che andava a prendere qualcosa da bere.
Quando ho sentito i suoi passi arrivare mi sono sdraiata sulla pancia con la faccia affossata al cuscino, aspettavo trepidante il suo ritorno, non mi era bastato e speravo di ricevere un po’ di coccole in quella posizione (adoro le coccole sulla schiena) ma invece di sentire le sue maninone ho sentito due mani delicate che mi hanno fatta sobbalzare.
Mi sono girata di scatto ed era una ragazza, e lui in piedi sulla porta che ci guardava.
Pensate il mio stupore, me l’ha presentata, era sua moglie.
Non sapevo che fare, ma loro mi hanno tranquillizzata dicendomi che sono una coppia apertae che non si nascondono niente.
Ora capivo la sua telefonata, era per dire alla moglie di nascondersi, ebbene si aveva visto tutto cio’ che avevamo fatto.
Piano piano mi sono lasciata andare, avevo una donna che mi leccava in mezzo alle gambe e la situazione era al limite della follia ma allo stesso modo la cosa più eccitante che avevo fatto fino ad ora. Sono venuta di nuovo quasi subito, madonna ci sapeva fare con la lingua più che molti uomini.
A questo punto ha voluto anche lei divertirsi ed è toccato a me leccare lei.
Sentivo il suo sapore e la sua eccitazione, l’ho penetrata con un vibratore continuando a leccarla mentre lei succhiava suo marito.poi ha voluto che suo marito mi prendesse di nuovo e così si è messo alle mie spalle e mi ha scopata mentre leccavo sua moglie.
Era assurdo ma tremendamente bello.
Ci sono voluti pochissimi colpi e di nuovo il suo sperma mi ha invasa, mentre nello stesso momento venivamo anch’io e la sua mogliettina cha nel frattempo si stava masturbando con il vibratore.
Alla fine esausti ma soddisfatti ci siamo sciacquati ricomposti, e siamo tornati alle nostre rispettive vite.
Non lo sento da quella sera anche se la tentazione di chiamarlo c’è ed è tanta

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

Ora sei Offline, Navigazione Limitata

error: Content is protected !!