Handjob
Handjob
EteroPrime esperienzeTradimenti

Il mio primo tradimento

Mi chiamo Stefania e ho deciso di condividere una mia piccola avventura con chiunque voglia leggere. Ho scoperto il sito da qualche mese e, scartando le storie che sono ovviamente frutto di fantasia, ho pensato di scrivere la mia.
Vivo a Milano e insegno al liceo classico. Ho 42 anni e sono sposata da quando ne avevo 20. Sono mamma di due bambini, Claudia e Francesco, il più piccolo. Fa strano realizzare che con le moderne tecnologie ci sembri meno ‘problematico’ scrivere fatti propri su internet, così che tutti possano sapere. Ma tant’è. L’anonimato e le informazioni generiche mi difenderanno da eventuali detrattori e moralisti, inoltre ritengo che ognuno abbia il diritto di vivere come meglio crede, finché non si interferisce con le libertà altrui. Come qualcuno avrà notato, non ho fatto neanche un minimo cenno a mio marito. Non sono vedova. Sono solo una moglie bistrattata, stanca di essere solo l’addetta alle faccende di casa, senza avere nemmeno il diritto di chiedere un po’ di piacere nella vita. A letto non è solo una questione di aprire le gambe e fare finta che ti stia piacendo. E’ un gioco di parti, di complicità, di intesa, che negli anni mio marito ha completamente dimenticato. Negli ultimi tempi ho persino capito che il venerdì non va alla partita di calcetto con gli amici, ma va a farsi una tipa che ha conosciuto su Facebook. Lui non immagina nulla, sono una buona cattolica contraria al divorzio. Masochista, forse. Ipocrita, chissà. Fatto sta che un giorno mi sono resa conto che non potevo condannarmi a una vita di insoddisfazione. Mio marito Andrea poteva tenersi tutte le sgualdrine che voleva, io avrei preso un’altra strada.
Due settimane fa ero al bar con l’amica di sempre, Giulia. E anche la discussione era quella di sempre: mio marito che mi trascurava e io che cercavo timidamente aiuto.
‘Non puoi continuare così… Non ti posso più vedere così… E’ sempre la stessa scena, io e te a fare sti discorsi inutili. Devi fare qualcosa’
‘E cosa? Lasciarlo? Non si può.

E poi i bambini? No. Sai quella cosa che si dice che le prove difficili vengono date alle anime forti che possono sopportarle?’
‘Te sei fuori di testa! Ma che cazzo dici? Soffrire le prove difficili?! Stefy, tu devi smetterla, ti serve una vacanza, stacca tutto! Ti serve un buon e sano tradimento’
‘E IO SAREI QUELLA FUORI DI TESTA??? Sei impazzita, Giu. Non mi abbasserò mai a questi livelli. Ma poi dai, diciamocela tutta… Non saprei manco come si fa, per carità’
‘Eppure davanti a me vedo un’amica in estremo bisogno di una bella scopata. Stefy ma non ti vedi? Non ti curi più, non sei più radiosa, pensi solo a risolvere i problemi che quel porco ti crea’
‘Giulia…’
‘No, tu adesso mi ascolti! Da quant’è che non ti tocca?’
‘…’
‘Bene. Poi scopri che se la fa con la tipa di Facebook e non fai niente? Come minimo gliel’avrei tagliato mentre dorme!’
‘Giulia…’
‘No, Stefy, ora basta. Adesso o tu prendi in mano la tua vita o ti volto le spalle. Non ho più voglia di parlare sempre delle stesse cose, degli stessi problemi, essere davanti alle soluzioni ma non essere per niente all’altezza di assumersi certe responsabilità’
‘Mi abbandoneresti davvero?’
‘Sì. Categoricamente. O fai qualcosa tu o mi ingegno io a farti lasciare tuo marito. Un marito solo sulla carta, a che ti serve? Ti porta una volta all’anno in vacanza e poi? Sei sua moglie solo una volta all’anno? Solo quando c’è da preparare da mangiare e fare la lavatrice? No, Stefy, ora veramente la misura è colma’

Ormai ero in lacrime. Ero del tutto consapevole che aveva ragione e che mi stava spronando a fare qualcosa per me. Perché non potevo davvero più continuare su quella strada. Mi stava portando all’annientamento personale. E non ne ricavavo nulla di buono. Così, ecco la vocina che fece scattare qualcosa.
‘Senti, io ho un’idea. Ti ricordi del mio fidanzato?’
‘Fidanzato? Ma se tu non sei mai stata fidanzata e non vuoi altro che legami liberi!’
‘Appunto, non ho un fidanzato fisso, ma… Diciamo… Uno che ogni tanto viene a casa e mi scopa come si deve’
‘Beh, buon per te. Sono ricordi dei primi anni del mio “fantastico” matrimonio’
‘Ti ho detto che ho un’idea. Facciamo così: ti faccio fare un giro’
‘Ma cosa?’
‘Diciamo che te lo “presto” per una sera’
‘MA COME FANNO A VENIRTI IN MENTE CERTI PENSIERI?!?!’
‘Stefania. Ora tu stai zitta e fai quello che ti dico’
‘Ma io non posso…’
‘Stefy’
‘Sono sposata…’
‘Stefania’
‘Ho due figli, no…’
‘STEFANIA! Qual è il tuo giorno libero a scuola?’
‘Perché?’
‘Ti sto chiedendo quando cazzo sei libera, dio bonino!’
‘Mercoledì’
‘Bene. Mercoledì, passo a prenderti e andiamo a fare shopping’
‘Come se bastasse quello’
‘Shopping per te. Devi comprare qualcosa da mettere per incontrare il mio amico’
‘Ma Giulia…’
‘Non ho più nulla da dirti. A mercoledì. Fatti trovare pronta per le nove’

Mi lasciò lì, senza darmi il tempo di replicare. Ero lì insieme ai miei pensieri. Stavolta il solito caffè con l’amica aveva tirato fuori qualcosa di inaspettato. E così lei aveva uno scopamico, come dicono i giovani sui siti tipo ‘In Segreto’. A volte la sera crepo dalle risate quando leggo quelle storielle di ragazzini di 15 anni che scopano o che si inculano con oggetti vari. Se queste sono le nuove generazioni…
Intanto riflettevo: mi avrebbe “prestato” il suo amico… Ma in che senso? Me lo avrebbe fatto conoscere per fare cosa? Per farmi decidere di lasciare Andrea? Era tutto così surreale.

Mercoledì alle sette suonò la sveglia. Mi preparai e mi misi a guardare la tv mentre aspettavo Giulia. Venne addirittura in anticipo. Clacson 4 volte, come al solito, e via.
Mi portò al centro commerciale più vicino. Aveva già in mente tutto il tour: prima da H&M per un bel vestito alla moda. Poi un paio di scarpe tacco dodici. Da Kiko per fare rifornimento di trucco. E infine, il negozio fondamentale. Eravamo di fronte la vetrina di Yamamay. Il che mi riportò alla memoria il periodo pre-matrimonio. Da allora non c’era stata più occasione di essere provocante per mio marito. Qualcosa si mosse dentro e fece scattare in me la reazione che Giulia si augurava. Ormai ero in ballo.
Dopo la bella mattinata di shopping, mi riaccompagnò a casa.
‘Ti chiamo domani e ti aggiorno. A presto’

Corsi in camera a nascondere tutti quegli acquisti e preparai da mangiare. Alle 3 sarebbe tornato Andrea e non doveva sospettare nulla.
Il giorno dopo, uscendo da scuola, mi chiamò Giulia:
‘Parlo con la sexy professoressa?’
‘Dai, Giulia!’ ridendo
‘Scherzo… Allora, come va?’
‘Eh bene, dai, ho appena finito a scuola’
‘Ak, ok… Senti… Domani il mio amico vorrebbe vederti’
‘Ma come già domani? Non so se sono già pronta…’
‘Stefy, in realtà avrei dovuto vederlo io domani, ma tu hai più urgenza di conoscerlo. Guarda cosa faccio per un’amica’
Battuta di silenzio da parte mia.
‘Chi tace… Acconsente. Benissimo. Domani sera il tuo bel maritino andrà come al solito a “calcetto” e tu uscirai dopo di lui. Diglielo chiaramente che non c’è bisogno che ti aspetti’
‘Ma cos’hai in mente?’
‘Vieni a casa mia domani sera alle 8. Non preoccuparti per la cena. Ti voglio bene’

Ero di nuovo rimasta bloccata come al bar e non mi ero reso conto che bloccavo le altre macchine da più di due minuti. Me ne stavano dicendo di tutti i colori e ne avevano anche per mia madre e per mia sorella, che fortunatamente non ho.
Il tempo passò in fretta e arrivò il tanto atteso quanto temuto venerdì. Come da copione, mio marito si era preparato l’alibi del borsone con tutto l’occorrente ‘Ti porti anche il pallone? Ma non ce l’hanno lì?’
‘Me lo porto lo stesso, non si sa mai’
Che coglione. Sapeva benissimo di essere stato beccato, ma continuava imperterrito. Col senno di poi ha preso sempre più forza in me l’idea che se l’è proprio meritato.
Erano le cinque del pomeriggio. Era ora di prepararsi. Mi rilassai con un bel bagno caldo ai sali minerali, per ammorbidire la pelle. Mi asciugai e mi dedicai a come mi sarei presentata. Non me lo immaginavo nemmeno nella mia testa, né castano, né biondo. Solo un altro uomo, stop.
Recuperai gli acquisti del mercoledì precedente. Aprii il pacchetto delle autoreggenti e me le misi delicatamente, per non smagliarle. Mi infilai il vestito. Era molto più corto dei miei soliti vestiti da suora, a momenti si vedevano le calze. Forse era quello che Giulia voleva. Salii su quei trampoli di dodici centimetri e poi mi truccai.
C’eravamo quasi. Presi la giacca, le chiavi, ero pronta ad uscire. In salotto incrociai Claudia che mi apostrofò:
‘Mamma!’
Sentii un fremito lungo la schiena, lo ricordo ancora. Lo stesso che provo ora a raccontare tutte queste cose.
‘Dimmi’
Pensai che mi aveva scoperto ed ero già lì sul punto di tentare di giustificarmi.
Mi guardò. E capì. So che aveva capito tutto. Le donne capiscono sempre tutto.
‘Buona serata’
In cuor mio mi dicevo che un giorno avrei tentato di spiegarle tutto. Ma forse non ce n’era nemmeno bisogno. Mia figlia mi appoggiava e avrei voluto abbracciarla.
Accesi la macchina e mi allontanai velocemente.

Arrivai da Giulia. Bussai. Mi aprì. In ascensore mi guardavo allo specchio e mi chiedevo se stessi facendo davvero la cosa più giusta per me. Mi dicevo che potevo ancora tirarmi indietro. Ma le porte si aprirono e Giulia mi aveva già tirato dentro al suo appartamento.
Le brillavano gli occhi.
‘Stefy… Ma ti sei vista?’
Mi guardai e cominciai a cercare qualche difetto nel vestito che mi preoccupai subito di abbassare. Non ero entrata per niente nella mentalità giusta. Giulia mi bloccò la mano e lasciò che si intravedesse un po’ di calza.
‘Non hai niente che non va, tranquilla. Sei semplicemente uno schianto. Sei stupenda stasera. Gli piacerai sicuramente’
Cominciai ad arrossire. Io, piacere ad un altro uomo, dove stavo andando a finire?
‘Pronta? Allora, ti lascio casa, è tutta vostra. Fate quello che vi pare. Ok?
Non sapevo cosa dire, mi limitavo ad annuire. Finché mi fece una domanda strana.
‘Mi sono dimenticata di chiederti una cosa. Ma te, Stefy, sei razzista?’
La guardai sbalordita.
‘Ma in che senso?’
Mi sorrise. Mi diede un bacio.
‘Mi ringrazierai domani. Ora scappo. Ciao!’
Uscì. Di nuovo senza darmi possibilità di rispondere. Era fatta così.

Ma cosa voleva dire con quella domanda? Qui si trattava di mio marito, cosa c’entrava il razzismo? La vocina nella mia testa mi raccomandava di non pensare più a niente, di mettere un piede davanti all’altro e di andare in salotto, da cui si sentiva un po’ di musica.
Feci un bel respiro. E cominciai a camminare. Mi sentivo strana su quei tacchi. Le calze per fortuna erano ben salde alle gambe, quindi mi sarei presentata al meglio.
Aprii la porta del salotto e sentii tutta l’adrenalina pervadermi. Ecco davanti a me un uomo sulla trentina, altissimo. Io sono un metro e sessanta, ma anche con i tacchi gli arrivavo a stento al petto. Era molto elegante e si notava che era abbastanza muscoloso. Ed ecco spiegato perché quella malandrina della mia Giulia mi aveva chiesto se fossi razzista. Era un ragazzo di colore. Molto scuro. Ma mi sentii da subito a mio agio.
Mi sorrise e ci salutammo. Si chiamava Jakob. Viveva in Italia da alcuni anni. Studiava ingegneria per avere più possibilità di lavoro.
Dopo qualche battutina per rompere il ghiaccio, mi invitò a sedermi. Mi aveva preparato la cena. Una gustosa cena. Mai nessuno aveva avuto questo pensiero per me. Già lì, cominciai a sciogliermi.
Si parlava del più e del meno, idee, progetti, una conversazione distesa tra due persone che hanno una bella sintonia. Ero già rapita. E la mia mente ormai non concepiva più nulla oltre la porta d’ingresso. Il mio mondo era quell’appartamento. Io e quel ragazzone.
Dopo aver finito di mangiare, mi fece alzare e mi prese la mano per ballare un lento. Mi stringeva forte a sé. Avevo i brividi.
Dopo qualche passo e qualche sorriso, guardandoci negli occhi, ci dicemmo, quasi per telepatia, che l’unica cosa da fare era andare in camera da letto.
Gli feci strada, anche se immaginavo che la conoscesse bene anche lui se si vedeva spesso con Giulia.

Entrammo e mi sedetti sul letto. Lui in piedi di fronte a me. Si abbassò e mi tolse lentamente le scarpe. Mi stava facendo mettere comoda. Si rialzò. Mi guardava e mi accarezzava gli zigomi. Lo abbracciai. E sotto la guancia sentii i suoi addominali. Allora esistevano davvero, non solo nelle serie alla tv.
Si tolse la giacca e cominciò a sbottonarsi la camicia.
Era una statua. Un fisico scolpito da anni di sport. Ero morta già a quel punto. Ma dovevo impormi di continuare. Non avevamo neanche cominciato.
Capii che era il mio turno di scoprirmi sopra. Mi tolse il vestito. Mi osservava, mezza nuda col completino che avevo comprato con Giulia e le autoreggenti. Gli facevo gola. Sentivo bene cosa provava.
Mi sedetti di nuovo sul letto. Stavolta volevo scoprire cosa ci fosse lì sotto.
Gli slacciai la cintura. Gli abbassai i pantaloni. E avevo davanti a me dei boxer che non potevano mentire. Lo spogliai del tutto. Anni di stereotipi e storielle sui ragazzi di colore confermati. Aveva un mio avambraccio tra le gambe. Quasi non ci credevo. E pensai a quella porcellina della Giulia. Chissà come si divertiva.
Ero bloccata. Lo guardavo, gli toccavo gli addominali, i pettorali, lo accarezzavo. Ero a disagio, ora. Non avevo mai visto nessun altro uomo nudo all’infuori di Andrea, prima. Né avevo mai visto un uomo del genere, come Dio comanda.
Ma eravamo lì. E di certo non avremmo ammazzato il tempo a giocare a briscola.

Così, presi coraggio e buttai i capelli indietro. Trassi un bel sospiro. E cominciai a baciarlo proprio lì. Baciavo la testa, poi l’asta, sotto. Tentavo timidamente di lambirlo con la lingua. Era caldo. Molto caldo. Caldo come un uomo che è pronto a fare l’amore con la sua donna. Lo stesso calore che avevo avuto io in questi anni, completamente ignorata da mio marito. E fu proprio a quel pensiero che aprii la bocca per prenderlo dentro di me. Era troppo grosso e mi faceva apparire goffa. Ne mettevo un po’ in bocca, poi lo tiravo fuori, lo leccavo con più sicurezza, di nuovo in bocca. Ci stavo prendendo confidenza. E a lui piaceva. Quel giochino non fece altro che far divampare il fuoco in quella camera da letto. Lo guardai. E, lentamente, cominciai ad arretrare e a stendermi sul letto. Senza perdere il contatto visivo, mi seguì, come fossi una preda che si stava arrendendo. E io ormai volevo essere presa. Allargai le gambe e iniziò a darmi piccoli baci sulle gambe, scendendo fino ai piedi, risalendo fino all’inguine, prima di sganciarmi il reggiseno e sfilarmi le mutandine.
Ero completamente nuda davanti a un altro uomo. Nuda davanti a un uomo pronto a fare di me quello che voleva. Si abbassò su di me e cominciò a leccarmi proprio lì. Non sapevo cosa si potesse provare. Per me erano cose sconce, ma da quel momento in poi decisi di abbandonarmi del tutto al piacere. Il piacere che avevo a lungo rincorso e che meritavo.
Quando ero ormai tutta bagnata, mi guardò di nuovo e capii cosa sarebbe successo. Allargai ancora un pochino le gambe mentre si adagiava su di me. Appoggiò il suo membro sulla porta del piacere e pregai in cuor mio di essere pronta. Cominciò a scivolare dentro di me. Dentro fino a posti dove non ero mai stata toccata da un uomo. Ad un certo punto lo fermai. Lui capì che doveva andarci piano, non ero abituata.
Scivolò più lentamente, fino a quando fu del tutto dentro di me.
Era fermo. Mi guardava. Come se mi stesse chiedendo per l’ultima volta se aveva il mio permesso e se era quello che volevo. Inarcai la schiena e lo strinsi più forte a me. Aveva avuto la sua risposta.
Cominciò a penetrarmi lentamente, come si fa con una vergine. Non lo ero, ma ero stretta per lui in quel momento.
E lì capii. Giulia non mi aveva offerto la possibilità di tradire mio marito. Mi aveva dato la possibilità di stare con un uomo che facesse l’amore con me perché ne aveva veramente voglia. Era di quello che avevo bisogno. Un uomo che con i suoi colpi mi facesse capire che voleva me, proprio me. Che voleva farmi godere col suo corpo.
Mi stringevo forte a lui. Mi prendeva con la forza ma, al tempo stesso, la dolcezza di un uomo che ama la donna con cui sta facendo l’amore e vuole farla impazzire. Fino a farla venire.
Avevo quasi dimenticato cosa si provasse a venire. Un coito non lo provavo più nemmeno quando mi riducevo a masturbarmi le sere d’estate, quando ero da sola e non riuscivo a dormire.
Lì avevo un pene enorme che continuava a darmi dolore e piacere. Finché fu solo piacere.
Mi prese in tante posizioni, cosa che apprezzai molto. Mi fece sentire il suo membro in tutti i modi possibili. Non avrei mai creduto che un uomo mi potesse coinvolgere tanto da farmi mettere anche a novanta.
Come animali che si accoppiano.
Ero ormai fuori di me. Tant’è che mi concessi il lusso di un gesto che forse non ripeterò mai più. Mentre mi prendeva e mi faceva urlare, gli feci segno di fermarsi. All’inizio non sembrò capire. Aveva forse fatto qualcosa di sbagliato? Certo che no. Gli dissi di mettersi il preservativo. Ma non perché temevo di restare incinta.
Se lo infilò. E quindi gli presi il pene e lo diressi verso l’altra entrata. Allargai un po’ i glutei con l’altra mano. Volevo essere presa da dietro. Volevo sentirmi veramente sua, dandogli tutto il mio corpo. Una cosa del genere non me la sarei nemmeno sognata, eppure in quel momento volevo che fosse così.
Mise la testa del pene sull’ano e si preparò a fare un po’ di forza. Lì ero davvero stretta. Recuperò un po’ di lubrificante per evitare di farmi provare solo dolore.
Al secondo tentativo riuscì a scivolare dentro di me. Era strano. Una sensazione davvero strana.
Fece piano. Prendermi da dietro non fu uno scherzo. Ma alla fine sentii il suo corpo contro il mio culo. Era tutto dentro. Era nel mio intestino. Ero impalata nel vero senso della parola, da una mazza nera.
Prese a penetrarmi con più violenza ora. Avevo risvegliato in lui desideri atavici, voglie animalesche di possedere una femmina nell’ano. E io glielo permisi tranquillamente. La mente mi faceva capire che era doloroso, ma il corpo lo voleva e ne reclamava sempre di più. Avrei voluto sentirlo arrivare nello stomaco, ormai ero in preda all’estasi.
Lui continuava a cavalcarmi. E io godevo sotto i suoi tremendi colpi.
Godevo davvero come un animale e emettevo gemiti di piacere.
Persi il conto delle volte in cui venni.
Non lo tirava mai fuori, mi martellava senza sosta.
Ad un certo punto pensai che mancava la ciliegina. Dovevo farmi passare un ultimo sfizio. E doveva essere un modo per ringraziarlo per avermi scopata come desideravo da troppi anni.
Lo feci fermare. Scesi dal letto e mi misi in ginocchio, con la bocca aperta. Avrei ingoiato. Era estasiato, forse nemmeno Giulia gli aveva mai concesso tanto.
Si tolse il preservativo e prese a trastullarsi la lunga asta. Io con la bocca ben aperta aspettavo vogliosa. Non volevo perdermene nemmeno una goccia.
Quando capii che era ormai vicino al culmine, avvicinai ancora di più la testa del suo cazzo alla faccia.
Venne. E fu come se fosse esplosa una busta di panna. Avevo la faccia tutta sporca e allora aspettai la seconda cascata per assaporarlo tutto. Ingoiai tutto. Fiera di essere stata presa da un vero uomo.

Eravamo esausti, ma felici. Non era stata una trombata per passatempo. Avevamo fatto l’amore nella sua forma più alta, desiderandoci mente e corpo.
Mi diedi una ripulita e mi tolsi le calze. Ci infilammo sotto le coperte, mi abbracciò a cucchiaio e mi baciò ancora per darmi la buonanotte. Al mattino mi svegliai presto, mi rivestii in fretta, con la consapevolezza che purtroppo dovevo lasciare quell’appartamento. Lui dormiva ancora. Lo baciai.
Appena entrata in macchina mi ricordai di scrivere subito a Giulia. Un messaggio breve e semplice, così che capisse tutto, senza bisogno di tante spiegazioni: Grazie.

Vota questo racconto

You may also like

Comments are closed.