Incontri in chat

Avevo iniziato da pochi mesi a frequentare un noto sito di incontri e chat, e fino ad allora non ero riuscito a concretizzare.

Evidentemente la mia tecnica di “aggancio” doveva essere affinata o forse le frequentatrici della chat non erano così disponibili come immaginavo.

Quel giorno mi colpì l’annuncio di una certa “sweetdream” che in poche parole spiegava di essere una slovena in Italia da poco e desiderosa di estendere le sue amicizie.

Iniziai quindi a mandarle alcuni messaggi, all’inizio con poca convinzione, ma ben presto un po’ più fiducioso, visto che rispondeva con celerità e con battute simpatiche.

Evidentemente la foto che avevo messo aveva colpito la ragazzina, che diceva di avere 25 anni, di frequentare un corso di specializzazione qui in Italia, di non avere ancora avuto modo di frequentare la gioventù locale e di… abitare a pochi chilometri da casa mia!!!

Beh, questa situazione dava proprio l’impressione che avrebbe potuto davvero diventare una piacevole avventura, se avessi giocato bene le mie carte e non avessi dato ascolto alla fretta che mi contaddistingueva.

Dopo qualche giorno, mi disse di chiamarsi Ileana e mi diede il suo contatto MSN. Da allora la nostra frequentazione virtuale divenne più ricca e tra una battuta e l’altra mi inviò anche delle sue foto.

Era davvero una ragazza molto carina, biondina, capelli un po’ mossi, non molto alta, curve al posto giusto.. davvero un bocconcino appetibile!

Le chiesi quindi di vederci e così decidemmo per incontrarci davanti ad un innocuo caffè, tanto per conoscerci meglio.

Le avevo già detto, comunque, di essere fidanzato, ma questa cosa evidentemente non l’aveva colpita in negativo o quanto meno non riteneva che potesse dare fastidio a quella che lei pensava come una semplice amicizia.

Ero stato anche sincero sulla mia età, avevo poco più di dieci anni più di lei, ma anche in questo caso, non era un ostacolo la differenza di età.

Quindi ci scambiammo i numeri di cellulare e ci demmo appuntamento ad un noto bar della mia città, visto che lei spesso veniva da quelle parti per il suo corso di specializzazione.

Il giorno stabilito, mi chiamò qualche ora prima per dirmi che avrebbe ritardato un po’ e chiacchierando qualche minuto con lei al telefono mi colpì non poco la particolare dolcezza della sua vocina, contraddistinta da un tono alto ma particolarmente gradevole.

La rassicurai e le dissi che l’avrei aspettata senza problemi.

Appena arrivato al bar mi sedetti al tavolo e l’aspettati con trepidazione.

Dopo un quarto d’ora, vidi arrivare questa ragazzina, che nonstante le foto, feci un po’ fatica a riconoscere: era ancora più carina!

Si avvicinò senza indugio a me e mi venne a salutare calorosamente con due bacioni sulle guance.

“Cavoli, che bocconcino!”, pensai, era uno splendore nel suo completino grigio.

Si era messa per l’occasione un tailleur sopra una gonna corta, e una camicetta beige col colletto ampio. Ma la cosa che in effetti mi colpì era la profondità del suo sguardo, dei suoi occhi azzurri e della sua chioma bionda! Non c’era niente da fare le ragazze dell’est hanno quel fascino che quelle mediterranee non possono certo avere

Chiacchierammo a lungo, ma lei non mi diede mai l’impressione di essere realmente interessata a me, tanto che alla fine del nostro incontro la salutai semplicemente dicendole: “allora ci ribecchiamo su MSN, ok?”

Passò qualche giorno in cui ebbi il tempo di dimenticarmi di lei, quando ad un tratto mi arrivi un SMS di lei che mi diceva: “Ma allora non ti sono proprio piaciuta?”

Non sapevo cosa dire, non mi aspettavo proprio che si esponesse così, e ne approfittai subito per chiamarla.

Le spiegai che non era così e che anzi pensavo proprio il contrario, che fossi stato io a non piacerle, ma evidentemente non era così, ed anzi mi propose di rivederci, dalle sue parti stavolta, per prendere un altro caffè.

Stavolta andai all’appuntamento molto più deciso e appena la vidi cercai subito di darle un bacino sulle labbra, ma lei sorridendo evitò la mia mossa e baciandomi sulla guancia mi invitò a prendere il nostro caffè.

Cercai di rompere l’imbarazzo e più volte durante l’incontro tentai “l’affondo”, ma lei sempre col sorriso evitava, tanto che uscendo dal bar, le dissi:”ma allora è proprio vero che non ti piaccio!”

Lei rispose subito:”Andiamo in macchina…”

La feci salire e mi invitò a portarla in posto tranquillo.

I campi che circondavano la zona permettevano di appartarsi senza molti problemi, e arrivati in una strada a fondo chiuso, spensi l’auto e le chiesi cosa pensasse di me.

Mi rispose avvicinandosi e baciandomi con passione. La sua dolce lingua presto si fece strada nella mia bocca, e le sue labbra carnose si posarono sulle mie.

Era davvero brava a baciare, e il suo sapore era divino.

Restammo così a lungo, a baciarci e baciarci… La sua sensualità si sprigionava sempre di più e nonostante però la temperatura in macchina si alzasse sempre di più, non permetteva alle mie mani curiose di scendere sotto i suoi abiti.

Questa cosa un po’ mi dispiaceva in fondo, perchè ero davvero eccitato e morivo dalla voglia di palpare le sue tette nonché di accarezzare la sua figa che doveva sicuramente essere molto molto bagnata.

Il mio uccello del resto mi faceva quasi male di quanto etra duro, ma non ci fu nulla da fare, dopo un’oretta passata a limonare come dei forsennati, si staccò dicendomi che doveva tornare indietro per sbrigare delle faccende e così a malincuore la riaccompagnai.

Salutandomi mi disse che le avrebbe fatto piacere rivedermi davanti a quel bar, tra qualche giorno e restammo d’accordo in questo modo!

Appena arrivato a casa, corsi in bagno e mi sparai una sega che ebbe il suo exploit in una sborrata lunga e intensa… mi tremavano quasi le gambe dall’eccitazione che avevo accumulato.

Il pensiero di questa ragazzina mi accompagnò nei giorni a seguire, e arrivai quasi a contare le ore che mi separavano dal momento che l’avrei rivista!
Qualche giorno dopo ci incontrammo nuovamente e allo stesso modo ci appartammo in auto.

Passammo quindi un paio di ore a limonare e stavolta mi permise una esplorazione più approfondita delle sue tette e delle sue labbra carnose.

Come immaginavo erano bagnate fradicie, con un clitoride duro e sporgente che non tardai a stuzzicarle con sapienti carezze.

La sua reazione non tardò ad arrivare, e i gemiti cominciarono ad uscire da quella boccuccia che fino a qualche attimo prima si era presa cura delle mie labbra e della mia lingua.

Le mie carezze allora si fecero sempre più veloci e ad un tratto le infilai due dita d’improvviso in quella caverna succosa.

Is suo gridolino di piacere mi fece capire che aveva toccato il “tasto” giusto, quindi con un veloce va e vieni in pochi colpi la feci arrivare all’orgasmo, accompagnato da un rantolo soffocato.

Mi prese la testa tra le mani e mi infilò due spanne di lingua in bocca, dimostrandomi la sua gratitudine.

Ovviamente desideravo anche io poter liberarmi, e prendendole una mano la posai all’altezza del mio inguine.

Lei, senza indugi, incominciò a strofinare il mio uccello duro come il marmo, trasmettendomi sensazioni meravigliose.

Aprì la zip dei jeans e tirò fuori il mio bastone pulsante di desiderio.

Lo prese in mano ed iniziò a segarmi con passione mentre la sua lingua continuava a rovistare nella mia bocca.

Non ci volle molto per farmi arrivare e gli schizzi di sperma le sporcarono la mano oltre che la manica della camicetta.

Senza mostrarsi sorpresa si portò la mano tra la mia bocca e la sua e mi invitò a pulirla insieme a lei. Tornammo a limonare ancora per qualche tempo quando decidemmo che forse era ora di tornare alle rispettive case.

Le chiesi allora se non era giunto il momento magari di vederci tra le quattro mura di casa mia, in modo da poterci dedicare con più calma ognuno all’altro e lei accettò con entusiasmo!

Cogliemmo l’occasione offertaci dalla mia fidanzata che doveva andare a trovare un’amica che abitava a parecchi chilometri di distanza. Mi chiese se le dispiaceva se passava il sabato e domenica da lei ed io con estrema ipocrisia le risposi che mi dispiaceva parecchio ma che non potevo costringerla a restare se voleva andare dalla sua amica!

Quindi quel sabato mattina andai a prendere Ileana e la portai a casa mia.

Entrando in casa ci comportammo molto normalmente, le feci vedere la casa, il giardino, la terrazza… non sembrava neanche che fossimo venuti per scopare.

Ad un tratto mentre le facevo vedere il panorama che si poteva ammirare dalla camera da letto, mi spinse con forza sul letto, si tolse la camicetta, mostrando le sue tette prive di qualsiasi orpello.

Aveva davvero due bellissimi seni, non troppo grandi né troppo piccoli, ma soprattutto sfidavano grandemente la forza di gravità!

I due capezzoli scuri e puntuti erano circondati da due areole grosse, come piacciono a me!!!

Buttandosi a capofitto su di me iniziò a baciarmi dappertutto, leccandomi con ardore il collo e dietro le orecchie.

Il suo profumo mi inebriava mentre mi leccava e mi baciava, e ad un tratto non so come mi ritrovai anche io a torso nudo.

Le sue labbra quindi iniziarono a prendersi cura del mio petto nonché dei mie capezzoli.

Cavoli se ci sapeva fare la ragazza!

Decisi quindi di ribaltare la situazione e incominciai io a leccarla sul collo, scendendo quindi sui capezzoli che leccai con gusto alternandomi tra l’uno e l’altro.

Con le mani intanto trafficavo sotto la sua gonna, tra gli slip fradici che non persi tempo a toglierle.

Anche la gonna presto volò via, lasciando quindi Ileana nuda sotto di me.

Era davvero una ragazzina meravigliosa, calda e volitiva ma dallo sguardo estremamente dolce.

Non resistetti a quella vista e mi buttai a capofitto tra le sue cosce!

Il profumo di femmina che mi arrivò alle narici era delicato ma particolarmente gradevole.

La leccai a lungo, succhiandole con gusto il clitoride mentre le infilavo due dita dentro, così come avevo fatto l’altra volta.

La mia mossa non tardò a farla scoppiare in un orgasmo lungo che la scosse lungo tutto il corpo in un fremito.

Mi fece spogliare e mi invitò a mettermi disteso sul letto.

Iniziando dalle mie labbra, assaporò con la lingua il mio collo, il mio petto, la mia pancia, e scivolando lungo la coscia arrivò alle palle che prese tra le labbra per giocherellarci.

La sua lingua guizzante ogni tanto correva anche nell’incavo delle cosce, e dovetti davvero farmi forza per non venire immediatamente!

Non volevo godere subito ma volevo assaporare ancora quella lingua che saettava di qua e di la nelle mie intimità.

Quando si stufò di leccare prese in bocca il mio uccello e lo spompinò con maestria, tenendo sempre una mano alla base del mio uccello in modo da regalarmi una sega ed un pompino allo stesso tempo.

Stavo scoppiando e non volevo , quindi la presi di forza e la costrinsi ad impalarsi su di me.

Forse non aspettava altro, visto che si fiondò sul mio cazzo dritto e con un veloce va e vieni, strusciando bene il clitoride sul mio pube, venne di nuovo in questa posizione.

Era troppo per me, scostandola con due colpi con la mano schizzai il mio sperma sulla sua pancia e sulla mia.

La vista del suo pancino sporco di sborra mi fece venire subito voglia di pulirlo, e così mi chiani su di lei e la ripulii ben bene.

Poi fu lei che volle “fare pulizie” su di me.

Prese in bocca il mio uccello e lo liberò di ogni traccia del mio seme e continuando così mi liberò anche la pancia dai resti del mio piacere.

Ci stringemmo e restammo diversi minuti a coccolarci, dandoci dei baci teneri alternati da altri più voluttuosi.

Questo trattamento non tardò a dare i suoi frutti se ad un tratto il mio uccellone riprese consistenza mentre stava appoggiato al suo ventre.

In quella posizione non tardai a ritrovarmi a tiro della sua dolce fica e con un piccolo gesto mi infilai dentro di lei e mentre stavamo così abbracciati a limonare iniziai un lento movimento dentro di lei.

Ben presto però ci rendemmo conto che occorreva darci dentro un po’ di più e invitandola a stendersi sul letto mi posi su di lei e le posi le sue gambe sulle mie spalle.

Spingevo con forza mente la vista della sua figa così dilatata mi mandava in estasi.

Continuai ancora per parecchi minuti ma ad un tratto volli cambiare posizione, e così facendola mettere in ginocchio la feci accovacciare e la presi da dietro.

Le posai le mani sulle tette e spinsi con un certo trasporto mentre lei dimostrava di godere non poco della nuova posizione a giudicare dal lamento che le usciva dalla bocca e dalle sue esclamazioni di apprezzamento!

Ad un tratto sentii chiaramente che stava godendo anche perchè il mio uccello fu investito da un getto caldo, e questa sensazione mi portò a fare altrettanto.

Non me la sentii di uscire da lei e così venni dentro di lei mentre anche lei riversava i suoi umori sul mio uccello.

Spinsi fino a quando non mi si ammosciò dentro di lei, e a questo punto, tenendola ancora accovacciata, accostai la mia lingua tra le sue chiappe e leccai con avidità il liquido che fuoriusciva.

Il mio seme si era mescolato al suo miele e questa bevanda mi sembrava la cosa più buona che avessi mai assaggiato.

Volli rendere anche lei partecipe e le feci prima leccare il mio uccello e poi volli baciarla a lungo per mescolare ancora di più i nostri liquidi intimi.

Anche lei mi confessò di apprezzare e dopo diversi minuti passati così ci stendemmo per prendere fiato.

La giornata passò quindi velocemente e nel migliore dei modi, passando dalla cucina alle scale, dalla vasca idromassaggio per finire sul divano!

A pomeriggio inoltrato ci rivestimmo e la riaccompagnai a casa.

Ileana congedandomi mi disse che aveva passato una giornata così bella che non avrebbe dimenticato facilmente, ma pochi giorni dopo mi fece capire che il rivederci non sarebbe stata una buona cosa perchè io ero impegnato e lei inziava a provare qualcosa per me e non voleva soffrire nonostante la nostra forte intesa sessuale.

Da lì le cose furono tali che non ci rivedemmo più!

Posso solo dire che ripenso ancora spesso alla dolce piccola Ileana!

[Total: 0    Average: 0/5]

Ora sei Offline, Navigazione Limitata