MMF Threesome
MMF Threesome
Triangolo

Intrapprendente Marta

Mi è capitato l’anno scorso di difendere un mio cliente da un reato piuttosto spigoloso e pieno di insidie (naturalmente parlo sul piano legale della difesa) presso la Corte di Assise di Venezia.
Mi stavo organizzando ben benino per il viaggio e per il soggiorno già pregustandomi un periodo abbastanza lungo da solo, quando Marta mi dice che, trattandosi di Venezia, vuole venire anche lei e, poiché non sopporta gli arei ed a me non piacciono i treni, haimé mi tocca un viaggio in macchina.
Ho cercato disperatamente di dissuaderla, ho telefonato ad alcune sue amiche perché le trovassero qualcosa da fare qui: macché tutto inutile. Testarda ed irremovibile.
– Tanto caro ho organizzato tutto io, staremo da quei tuoi cugini a Padova, tu potrati andare in tribunale ed io sarò in compagnia di care amiche – cugine che non vedevo da una vita.
Come al solito il diavolo fa le pentole ma non i coperchi, per cui, ormai rassegnato, chiamai il meccanico e feci dare una controllata alla macchina grande che uso soltanto una o due volte l’anno.
L’indomani mattina si parte: valigia grande, piccola, media, minuscola, beauty case, valigetta, valigiona, insomma sembrava che a Marta fosse venuta la sindrome del traslocatore. Meno male che il cofano della mia macchina è molto capiente.
Durante il viaggio si parlucchia del più e del meno ma ogni tanto la osservo per come è vestita e per come è, e nonostante i 35 anni di matrimonio ne sono ancora innamorato, oltre ad esserne ingrifato per via di quei suoi eleganti vestiti leggerissimi e svolazzanti con scollature vertiginose sopra due tette marmoree a dispetto dell’età e della quinta misura.
Il viaggio fila liscio nel silenzio della mia vecchia e gloriosa auto da viaggio (o da parata come dice mia figlia) e con le note di un concerto di Corelli (a me fa impazzire la musica classica e l’ascolto sempre).
Però adesso si deve far pipì, prendere un caffè, i giornali, fumarsi una sigaretta (in auto è vietato).
Arriviamo in una bella stazione di servizio dalle parti di San Benedetto del Tronto, scendiamo dall’auto andiamo al bar, caffè, giornali, sigarette e pipì. Ma mentre sto andando in bagno noto un signore, ben vestito, più basso e più magro di me, con un cappello bianco che ronza intorno a Marta e lei lo lascia ronzare, finquando vedo che il tizio le si para di fronte si toglie il cappello e le bacia la mano. Nel frattempo per vedere dove la cosa andava a parare stavo per farmi pipì addosso, per cui fui costretto ad abbandonare la scena.
Al mio ritorno Marta non c’era più e nemmeno il tizio col cappello bianco: automaticamente mi si rizzò l’uccello, manco fosse l’attrezzo di un rabdomante, già immaginando con quella scollatura cosa potesse star combinando.
Mi diressi al parcheggio vicino alla mia auto e nel tergicristallo trovai un bigliettino che diceva: “Sono nel boschetto a far due passi con un amico”.
Il mio uccello divenne un uccello da tiro e mi tirò di corsa nel bosco di pini dove, dietro un cespuglio c’era Marta, completamente nuda e quel tizio che si faceva una ricca spagnola tra le tette di Marta.
Appena Marta mi vide mi invitò ad unirmi a loro ma stranamente preferii stare a guardare come quel tizio così “perbene” si stava scopando mia moglie e lei le offriva tutti i suoi orifizi ormai sbrodolanti di umori, prendendola da dietro e lasciandole pendere e ballonzolare le tette ad ogni colpo inferto e che Marta assecondava con i suoi movimenti.
La scena era così eccitante che dovetti tirar fuori l’uccello dai pantaloni e sborrare senza che mi fossi toccato per nulla.
Dopo che Marta e lo sconosciuto terminarono il loro amplesso con un bocchino che così non ne aveva mai fatti a me, ricomposti i fedrigrafi si passò alle presentazioni, per cui il signor cappello bianco era un architetto convocato (da me) quale testimone nel mio stesso processo presso la Corte di Assise di Venezia.

Vota questo racconto

You may also like

Appagamento

La sera prima c’eravamo solo sentiti. Sera, insomma, poteva essere mezzanotte. Mezzanotte e mezza. Comunque ...

Comments are closed.