Lesbo Glamour Girls 5
Lesbo Glamour Girls 5
Gay e BisexOrge e Gang Bang

Sogno erotico

Finalmente è arrivato il giorno atteso di mettermi in viaggio x raggiugere una coppia a cui mi sono offerto,parto con un pò di perplessità in quanto non hanno esperienza di cosa sia veramente avere uno slave,ma la perplessità e affiancaata all”eccitamento di questa nuova esperienza x me.Ci siamo parlati a lungo con e mail,mess e telefonate in cui virtualmente obbedivo a qualche loro ordine x quanto possibile vista la distanza che cè tra me e loro.Tante domande a cui rispondere parlando dei limiti come servo verso i Padroni e di come fare x vederci,in loro cresceva questà volontà di avermi ai loro piedi,e cosi abbiamo deciso la giornata ed eccomi in viaggio…. Dopo quasi 5 ore arrivo al casello autostradale da loro richiesto e li la prima sorpresa positiva,li riconosco subito la Miss era fasciata in uno splendido abito nero,con delle bellissime scarpe con tacco rosso,Mr. era in auto alla guida una camicia bianca aperta,un bell”uomo,il loro sorriso mi hà dato il benvenuto e dopo una stretta di mano la Miss è salita in auto con me mentre Mr.faceva strada verso casa loro,la Miss aveva adosso un buon profumo dolce che in un attimo hà riempito l”aria interna dell”auto,ma i miei occhi appena salita si sono rivolti alla scollatura del vestito dalle quale usciva un pò di reggiseno nero,la cosa devo dire mi eccitava un pò anche se ero rimasto un pò sorpreso dal benvenuto datomi forse perchè abituato ad esser subito messo sotto dalle coppie incontrate sin d”ora,chiacchierando del più e del meno siamo arrivati a casa e li appena entrato la prima sorpresa,il loro sorriso è cambiato e la Miss si è rivolta a me dicendo,da ora e finche non uscirai da questa casa non parlerai più se non x ordine mio o suo indicandomi il Mr.hò annuito con la testa e mi son messo ai loro voleri.Ho visto la Miss prendere un guinzaglio e sentito legarlo al collo,in quel momento mi son sentito loro proprietà,mi ha fatto mettere in ginocchio e accompagnato in una camera da letto dove 2a sorpresa hò notato una camiicetta bianca,una gonna un paio di ciabatte delle calze,un reggicalze e una parrucca di color rosso è li ho capito il perchè nelle telefonate mi chiesero la taglia erano vestiti x me,mi ordinarono di farmi una doccia e di tornare li in camera,mi spogliai e andai a lavarmi quando tornai la Miss non era presente ma sul letto ora c”era un asciugamano e il Mr.mi ordino di sdraiarmi a gambe larghe e poco dopo lei arrivo,una ciotola un rasoio e della schiuma da barba teneva in mano,mi ordinò di depilarmi l”inguine x bene e si sedettero di fronte a me ridendo del mio pene e dicendomi di quanto sia piccolo e inutile,devo dire che la cosa mi eccitava mentalmente,fatto questo la Miss passo la mano x vedere come mi ero depilato dandomi una strizzata forte ai testicoli tanto da farmi urlare un pò,mi ha ordinato di non farlo più e preso un nastro cominciò a legarmi i testicoli ad ogni giro si gonfiavano sempre piu,si erano allungati a dismisura ma non sentivo nulla erano come addormentati x come erano stretti,poi mi fece vestire,prima le calze,poi il reggicalze la gonna e la camicia poi mi fece sedere e iniziò a truccarmi il viso,mi mise la parrucca e infine disse tu non sei un servo ma una serva e ti chiami Sonia.Da li cominciarono a chiamarmi Sonia erano circa le 3 del pomeriggio,quando La Miss mi chiese di prepararle il bagno,preparai l”acqua calda con tanta schiuma e la invitai in bagno,mi chiese di spogliarla e li non tratenni la mia eccitazione ed ebbi un erezione ma la Miss se ne accorse e dopo avermi messo a 90 gradi mi diede una sberla ai testicoli cosi forte che mi misi in ginocchio dal dolore,la sentii fare la pipi e poi avvicinarsi a me e mi chiese di asciugarla con la lingua,poi entrò nella vasca e mi disse di lavarla,la spugna passava lungo il suo corpo splendido ma dovevo pensare ad altro,guai se di nuovo avessi avuto un erezione ogni tanto mi chiedeva di sollevare la gonna x controllare,la asciugai e le misi l”accappatoio la accompagnai in camera e li mi ordinò di lavare anche il Mr.quindi tornai in bagno e dopo aver pulito la vasca la riempii di nuovo x il Mr.lo chiamai ma venne anche la Miss si sedette su uno sgabello e mi disse di spogliarlo e lavarlo,lo feci era la prima volta che mi veniva ordinato di lavare un Mr.ma la cosa non mi dette fastidio e nemmeno a lui anzi,ho notato che stava avendo un erezione quando le spugna passava sul suo pene,che dopo un pò era stupendamente eretto,rimasi un pò imbarazzato non che non ne abbia avuti tra le mani ma in questo frangente mai,ero li in ginocchio sul bordo della vasca che ammiravo il corpo ed il pene stupendamente eretto del Mr.quando la Miss mi ordinò di prenderlo tra le mani e di cominciare a masturbarlo,lei guardava la mia mano che scorreva su e giu lentamente sul pene,la vidi allargarsi l”accapatoio e la sua mano si infilo delicatamente tra le gambe si era eccitata nel vedere il proprio compagno masturbato da uno schiavo vestito da donna,era lei che mi chiedeva quanto muovermi su quel pene,ora forte ora adagio dun tratto tutto fini,lei chiuse le gambe mi disse di smettere e di asciugare il Mr.rimasi un pò basito da quell”ordine,ma capii subito il motivo si era accorta che ero eccitato.Asiugai il Mr.e uscirono dal bagno,mi misi a pulire il tutto e intanto dalla porta socchiusa sentivo strani mugolii arrivare dalla camera,mi affacciai e vidi i Padroni fare l”amore la Miss era in ginocchio e il suo viso era rivolto verso la porta socchiusa del bagno,il Mr.era dietro a lei le sue mani afferavano i capelli della Miss e sentivo i colpi di lui mentre la penetrava a fondo,la Miss mi vide e mi disse di venire di fronte a lei,mi fece alzare la gonna e mi ordino di masturbarmi,cominciai cosi a muover la mia mano lentamente ero troppo eccitato e non volevo godere subito,ma la Miss lo aveva capito e mi disse di farlo piu volte di masturbarmi ma senza mai godere,il dolore dei testicoli legati e il fatto di continuare a masturbarmi non faceva altro che eccitarmi di più,senti il Mr.venire dentro di lei e poco dopo mi chiese di andare sul letto disteso a pancia all”insù,la Miss si sedette sul mio viso e cominciai a pulire lo schizzo del Mr.che scendeva copioso dalla figa della Miss,la quale affondava sul mio viso fino quasi a soffocarmi,era delizioso quel misto di sapore agrodolce le mani della Miss prendevano la mia testa e la spingevano dentro,a quel punto sentii la mano del Mr.accarezzarmi il pene e cominciare a masturbarmi e cosi il piacere era doppio avevo tra le labbra la figa della Miss e il Mr.mi stava masturbando,ma durò poco un dolore forte mi fece urlare nella figa della Miss,Mr.comincio a stringere e schiaffeggiare i testicoli,la Miss si accorse che stavo piangendo e gli ordinò di smettere,quell”ordine era il piu bello di quella giornata,ormai erano ore che i miei testicoli erano legati e non ne potevo piu,con calma la Miss mi slaccio il nastro,mi sentivo rinato ma è durato poco mi legarono al letto mani e braccia aperte,mi misero un bavaglio e mentre la Miss mi accarezzava il pene x eccitarmi,lui arrivo con una candela rossa accesa,la Miss la prese e mentre mi masturbava faceva colare la cera calda lungo il corpo,sul petto,sulla pancia sui capezzoli e infine sul pene turgido fino a coprirlo tutto,il dolore era forte ma durava poco il tempo di raffredarsi e fare cosi un calco di cera del mio pene in erezione,ero coperto dalla cera quando si misero su di me ed iniziarono di nuovo a scopare sempre da dietro,avevo il sedere del Mr.accanto il mio viso e mi ordinò di leccarglielo mentre facevo questo ora era la Miss che tolta la cera mi masturbava io non ne potevo piu avevo una gran voglia di godere,ma ancora nulla le piaceva troppo darmi dolore e piacere,e cosi rimasi ancora con la voglia e senti i miei Padroni godere ancora,sentii i loro umori bagnarmi l pancia e il petto.Si sollevarono esausti da quell”amplesso e andarono in un altra stanza io rimasi li legato al letto non so x quanto tempo ma vidi che ormai era buio,sentii il campanello di casa e loro che parlavano con qualcuno,poi arrivo la Miss mi sciolse le legature mi bendò,mi mise il guinzaglio e a 4 zampe mi fece andare in un altra stanza dove sentivo delle persone parlare,non saprei quante fossero ma mi legarono ad una sedia,mani dietro e gambe allargate poi sentii delle mani che mi presero il pene e cominciarono a masturbarmi e riuscii finalmente a godere,a schizzare e lo feci dentro un bicchiere,poi altre mani sentii sul mio pene e anche queste iniziarono a masturbarmi fino a farmi schizzare di nuovo nel solito bicchiere,poi mi tolsero il bavaglio e bevetti il mio sperma mentre sentivo frasi dette da chi non so,bevi troia,schifosa schiava bevi il tuo sperma,non sapere chi fosse era eccitante,a quel punto mi sciolsero e sempre bendato mi misero in ginocchio su un tappeto e li senti ad uno ad uno 4 cazzi uno lo riconobbi era del Mr.ma gli altri era probabile fossero loro amici altre coppie,sicuramente i maschi di quelle mani che prima mi avavano fatto godere,e cosi mi venne ordinato di masturbare questi nuovi amici loro,e cosi le mani e le labbra cominciarono il loro gioco di dita e lingua e ad uno ad uno li feci schizzare ma non capivo dove schizzavano fino a che anche il quarto venne,e la Miss dopo avermi tolto la benda mi fece inginocchiare e leccai tutto lo sperma dentro una ciotola da cane mentre le donne a turno mi sculacciavano il sedere affinche lo facessi velocemente.fatto questo mi ordinò di andare a lavarmi e vestirmi,quando tornai non c”era piu nessuno a parte i Padroni e capii che il mio servizio x loro era finito,mi accompagnarano alla porta e li la Miss mi disse ora sei di nuovo Andrea ti ringrazio di tutto ciò che sei e che ci hai fatto provare,ma ti rivoglio qui e farti mio veramente.Le risposi che non vedo l”ora,il sorriso tornò normale ci salutammo con un occhiolino.

Vota questo racconto

You may also like

Dopo essermi lasciato

Dopo essermi lasciato con la fidanzata decisi di trascorrere alcuni giorni veleggiando in barca tra ...

Comments are closed.