Lesbo

Supermercato

Ciao sono maria elena non piu giovanissima ma i miei 63 anni non li sento soprattutto dal lato sessuale. Mi sono ritirata nella mia casa di campagna in emilia dopo aver vissuto tra milano e parigi. Non mi sono mai sposata perche sono sempre stata lesbica e grazie al mio lavoro nel campo della moda ho potuto sempre appagare i miei desideri. ma ora che sono uscita dal giro è tutto piu difficle e spero che con l’annunci messo in questo fantastico sito tutto possa accadere. Detto questo voglio raccontare cio’ che ho vissuto realmente nel week end del primo giugno. Dato il tempo incerto non ho accettato l’invito delle amiche a arggiungerle in Versilia, cosi sono rimasta nella mia carpi. Sabato pomeriggio mi ero accorta di avere finito l’acqua cosi mi sono recata al grande supermercato alle porte della citta’. Mentre scendo dall’auto mi si avvicina una ragazzina di colore, avra’ avuto 18, 20 anni,tremendamente bella anche se vestita in modo modesto e non pulitissima, ma ripeto traspariva una bellezza superba. Capelli mori corti occhi azzurri un nasino all’in su due labbra molto carnose. Molto sexy nel vestire anche se per lei ho capito non era quella l’idea. Indossava una maglietta azzurra che le metteva in risalto un bel seno, un paio di short bianchi cortissimi che esaltava ancora di piu il colore della sua pelle. Ai piedi, sensualissimi anche se trascurati, un paio di infradito di gomma. Insomma veramente un bocconcino stupendo per una viziata come me. Mi si avvicina e mi chiede di comprarle dei fazzolettini o delle spazzole per capelli. D’istinto e con un sorriso le accarezzo il viso e le dico che purtroppo non ho bisogno di nulla ma se mi aspetta al mio ritorno qualcosa si puo’ fare. L’accarezzo di nuovo sul viso lei mi sorride ed in unpo stentato italiano dice va bene. Mentre mi allontano mi rigiro e la saluto con la mano ed un sorriso, guardandola da lontano e’ veramente molto carina non altissima ma magra con forme molto sensuali. La mia mente e’ gia in subbuglio, vorrei farmela e’ un periodo che ho un’arretrato tremendo mi masturbo spessissimo da sola ma ho il desiderio. man mano che penso mi eccito entro al supermercato e velocemente vado a cercare acqua e poi prendo anche delle coca cole chissa se lei viene non ho da offrirle da bere se non del vino. Quella ragazza mi piace sono disposta a tutto a comprarle tutto basta che mi segua. Esco dal supermercato sperando di ritrovarla ed infatti lei e’ ancora li vicino alla mia auto che mi aspetta. Le faccio un gran sorriso, lei pure, mi aiuta a caricare l’acqua nel portabaule, poi mi guarda con occhi interrogativi, ed io la guardo in modo lascivo, sono eccitata, sembro io la ragazzina. Devo trovare le parole giuste. Le chiedo se mi accopmagna a casa e mi aiuta a portare la spesa in casa poi ti compro tutto. Lei mi guarda ride, e molto diretta mi dice sai di solito sono gli uomini che mi dicano cosi. Io sorrido imbarazzata ma sono rossa in viso dalla vergogna, cerco di darmi un contegno le dico che io vivo sola, che non ho uomini. Lei ancora allora tu non sei sposata…no le dico a me gli uomini non piacciono. Sono diretta tanto ho capito che lei e’ piu furba e smaliziata di quanto potessi pensare.Attendo la sua risposta, mi guarda sorride e mi dice dai va bene pero mi fai un regalino. Ho il cuore in gola mi sembra di essere in cerca di una gigolo’ per’ ho voglia. Annuisco e lei sale in auto. Mentre andiamo a casa io sono tremedamente emozionata ho le mutandine bagnate. Lei e’ molto naturale parla mi racconta dice di essere filippina e di vivere a carpi con i genitori. Loro, mi dice fanno servizi a casa di persone, ma lei non vuole fare cosi, per cui aggiunge che vende quella roba per mantenersi e che se capita arrotonda facendo felice qualcuno e poi ride. E’ bellissima innocente disinvolta e seduta accanto a me in auto, mentre cambio marcia una mia mano le sfiora le gambe che lei tiene un pò aperte, lascio la mano sul cambio e lei lascia la sua gamba a contatto del palmo, allora ci provo; stacco la mano e l’appoggio sulla sua gamba dicendole che ha una pelle vellutata…lei sorride mi prende la mano e me l’accarezza…il sangue mi ribolle dentro….mi guarda il suo tono di voce e’ basso avvolgente mi guarda e con il sorriso mi dice “se mi dai cento euro quando siamo a casa tua mi spoglio e mi puoi toccare dove vuoi, poi sono brava a fare massaggi”. Sono imbarazzatissima ma anche eccitatissima per cui non mi interessa cio’ che puo pensare ma accetto. Lei mi prende la mano e se la porta in mezzo alle gambe sui short, mi guarda e mi dice…senti…Poi mi continua a parlare io guido confusa non vedo l’ora di essere a casa, mi confessa che e’ stat con un’altra donna ma giovane e che grande come me mai. Finalmente a casa entro in garage con l’auto smontiamo ho il sangue che va a mille scarichiamo l’acqua e la portiamo in casa. Lei mi dice che ho una bellissima casa grande che devo essere molto ricca…io non sento sono eccitata, la porto nel salone le dico di sedersi sul divano e se ha sete le porto da bere e mi siedo accanto a lei. Sento l’odore della sua pelle mista a sudore un odore intenso eccitante vorreei dirle se vuole fare una doccia ma ho paura che si offenda sara’ la mia lungua a lavarti penso tra me e me. Sono vicinissima avvicino le mie labbra alle sue lei lascia fare la bacio sento la sua lingua contro la mia, la muove bene con intensita’ e’ un bacio meraviglioso. Poi lei si allontana si alza mi guarda e mi dice vuoi vedermi nuda? Faccio un cenno con la testa annuisco, lei mi dice hai un letto, la porto in camera ci spogliamo anch’io sono nuda ci stendiamo nel letto. E’ bellissima nuda una pelle fresca la figa depilata. Sono eccitatissima lei mi guarda si tocca la figa poi annusa e mi dice cambiando il tono della voce con un modo quasi da schernirmi…ora me la lavi tu con la tua lingua…io sono giovane bella e se mi vuoi devi fare quello che dico io altrimenti mi vesto e me ne vado…dico di si con il capo…allora lei mi dice intanto pagami metti i soldi sul comodino…mi alzo lo faccio metto sul comodino centocinquanta euro sono troppo eccitata le dico che compro tutto i fazzolettini, lei sorride e mi dice vieni qua…poi aggiunge sei vecchia e porca…devi essere brava, dai leccami e mi porge un piede. Lo prendo in mano ha un odore intensissimo misto di sudore e gomma e poi e sporco, dai mi dice lavalo, annusalo, sei una maiala. Io sono nuda in ginocchio sul letto mi sento umiliata ma molto eccitata mai provata una situazione del genere. Una ragazzina che mi sta umiliando deridendo ed io che acconsento. Ho tirato fuori la lingua, lo annuso, puzza, e’ sporco ma con la lingua comincio a solcarle le dita la pianta, lei mugola poi con l’altro piede comincia a strofinarmi la mia figa mi stuzzica con le dita sente che sono bagnata…me lo dice porca sei bagnata continua su…non capisco piu nulla mi sfrego il piede sul viso non m’importa piu di nessun odore lecco le gambe poi finalmente la sua figa, la sua fighetta depilata lecco l’odore e’ forte ma in breve tempo tutto e’ sparito la mia lingua i suoi umori lecco come una pazza indiovalata mentre sbatto la mia figa sul letto…lei rotea il bacino comincia a mugolare mi spinge il mio viso sulla sua figa , alza le gambe e mi fa trovare anche il suo culetto stupendo passo la duletto alla figa bevo tutto il suo sapore mentre lei gode e mi insulta io sono felicissima. Lecco per circa dieci minuti e poi le finalmente arriva in un magnifico orgasmo sento il suo nettare nelle mie narici nella mia bocca fantastico stupendo. Ha goduto si rilassa io sono eccitatissima la guardo la supplico ti prego fammi godere…lei dice che devo farlo da sola…mi fa girare a pancia in basso e poi lei si sdraia sopra di me sento il suo corpo nudo sudi me sulla mia schiena comincia a roteare il bacino la sua figa a contatto con il mio culo. Sento la sua lingua che mi lecca un orecchio ho i brividi poi mi sussurra, ora masturbati da sola io sono qua sopra di te e tu toccati porca. Lo faccio e’ bellissimo sono schiacciata da lei sento il suo alito la sua lingua nell’orecchio e lesue parole..dai porca toccati sborrati sulle ani dai continua, io sembro impazzita mi masturbo a gambe aperte e dopo poco urlo di piacere “si sono una vacca una lesbica porca, una viziosa” …..che bello, spero di rincontrarla ho il suo cell ha detto che ha anche un’amica chissa….
un bacio

Vota questo racconto

You may also like

Una amica…..

Ciao a tutti, sono tornata.. 🙂 be a dire la verità non me ne sono ...

Comments are closed.