Avventura di viaggio

Avventura di viaggio, rientravo a casa da un noiosissimo stage di studio e aggiornamento aziendale, residenziale, in una bellissima villa in collina,resa ancor più piacevole dalla stagione inizio estate, ma lontana da ogni centro abitato, non c’erano donne e così la noia ti uccideva e le palle ti si gonfiavano a dismisura; unico divertimento la tv e le solite vecchie compagne di gioventù di ogni uomo..le seghe. Ero veramente esasperato e all’arrivo in stazione trovai il treno pieno, l’idea di fare 9 ore di viaggio in tutta scomodità mi esasperava vieppiù, non avevo potuto prenotare e in stazione non trovai nulla, mi dovetti inerpicare su una vecchia carrozza di 2 classe, di quella con gli scompartimenti a 8 posti…mi misi alla ricerca del posto, sperando sempre di trovare uno scompartimento pieno di belle ragazze, sogno mai avverato, infatti pur di sedermi mi accontentai di un posto a fianco della porta in uno scompartimento peraltro già pieno….uno volta sedutomi cominciai a guardarmi intorno…sperando sempre di avere la mirabolante avventura di cui parlano i libri rosa……….ciò che vidi non mi entusiasmò…a fianco dal finestrino verso l’interno una coppia lui un cinquantenne abbastanza corpulento, lei una ragazza sui venticinque anni carina a ben guardare, sicuramente dell’est, apparentemente a giudicare dai comportamenti di lui e dalla lucentezza delle fedi appena sposati..forse addirittura in viaggio di nozze…poi due suore, una anziana e l’altra giovane, non male, proprio di fronte a me..poi a fianco a me una ragazzina, sui 16/18 anni, con una faccia da troietta niente male due tette più che discrete,anche se mascherate da un largo maglione accollato, una mini che scopriva due belle gambe, abbastanza generosamente esibite.poi il fratellino, giovane e pestifero, ultima a fianco al finestrino una signora sui 50anni ben portati, formosa e morbida, dal seno esuberante, al limite interessante, evidentemente madre o parente dei due ragazzi…ciò che videro loro era un discreto uomo 35enne, in giacca sportiva, yeans e maglione girocollo, fisicamente interessante con un viso virile ed un sorriso accattivante, alto un po’ più di 180 e sui 78kgcastano e buon affabulatore….dopo la partenza, mentre la luce del giorno calava sempre più, cominciammo a parlare,loro seppero che ero single, che avevo una discreta carriera aperta nella mia azienda, che venivo da uno stage di15 giorni che mi aveva reso assolutamente bisognoso di compagnia, la coppia mi confermò la giustezza della mia valutazione, tornavano dal viaggio di nozze con il quale erano andati a trovare la famigli di ilenia in bielorussia, la signora era la zia dei due ragazzi e li riportava a casa dai genitori che erano appena tornati da un viaggio di lavoro all’estero, il ragazzetto, 14 anni era sempre più agitato e disturbava abbastanza, la ragazza ,carla, 19 anni era dispiaciuta di lasciare la zia e rimpiangeva le amicizie che aveva dovuto lasciare..doveva andare in una città sconosciuta, dove non conosceva proprio nessuno..….. la zia ripeteva che roma è una bellissima città e che avrebbero presto ritrovato le amicizie perse, la suora anziana taceva e sembrava dormire, la giovane pur non parlando ogni tanto sorrideva e il suo viso si illuminava e diventava interessante…io spiegai alla ragazza che ero di roma e sarei stato lieto di aiutarla ad inserirsi..le promisi che le avrei fatto da cicerone…che se avesse voluto la avrei portata a ballare..che conoscevo tanti posti e tanta gente interessante..discoteche, pub, teatri…reagì bene, sentii la sua coscia contro la mia e i seni mi sfioravano spesso il braccio, troppo spesso per essere un movimento involontario, ovviamente io rispondevo con lo stesso palpeggiamento e cercavo di farle capire quanto mi piacesse….improvvisamente incontrai gli occhi della suorina, prima di abbassarli ebbe un lampo facendomi intuire che aveva notato tutto e sembrava eccitata…intanto l’uomo corpulento continuava le sue manovre fra le gambe della moglie protetto dal tavolinetto..ma il ragazzino guardava con grande interesse…..e mise una mano in tasca….passò il maitre per il vagone ristorante, marito e moglie accettarono, io mi prenotai ed offri alle suore, alla zia e ai ragazzi la cena…tutti mi ringraziarono ma declinarono l’invito, invece carla si dimostro entusiasta, insieme riuscimmo a strappare l’assenso della zia convincendola con la promessa che avrei illustrato alla carletta la mia città e i segreti della sua vita………prima uscì la coppia con il marito che teneva la mano sul culo alla donna che inutilmente cercava di liberarsene..dopo un po’ uscimmo la carletta ed io, la presi confidenzialmente sottobraccio e le dissi quanto fosse bella e quanto mi piacesse, lei mi sorrise e mi rispose con un bacetto che si trasformò presto in uno vero bacio profondo,,,mi stava facendo arrapare la bimba….pranzammo testa a testa, mano nella mano, accarezzandoci le gambe l’un l’altro..mi disse che era dispiaciuta di lasciare il suo ragazzo con il quale aveva un ottima intesa sessuale..cosa per lei importante ..io le promisi che avrei fatto il possibile per sostituirlo dissi quanto fossi in calore e che la desideravo veramente..ci scambiammo il numero di cell e decidemmo che a roma avremmo fatto coppia fissa..non appena lei si fosse potuta liberare dai genitori…..intanto però volevo scoparla e lei voleva me…trovammo una toilette da handicappati e ci chiudemmo dentro……..dopo un abbraccio feroce con un bacio in cui ci scambiammo anche l’anima, le alzai il maglione…come avevo intuito emersero due tette tonde sode, di buona misura, ma di cui la cosa più eccitante erano i capezzoli,duri, lunghi, contornati da due grandi areole brune che spiccavano sulla pelle bianca..mentre lei armeggiava con i miei yeans io presi a strizzarle le tette e a succhiarle i capezzoli, con un suo così grande piacere da farla affrettare ad estrarre dai miei boxer un cazzo duro teso, grosso e quasi gia scappellato che aspettava solo di entrare in azione…lei cominciò a segarmi e ad accarezzarmi i coglioni ed io , pur continuando a lavorarle le tette e i capezzoloni, distaccai una mano che sbottonata la mini , si insinuò fra la pelle e le sue mutandine giungendo rapidamente ad accarezzarle in profondità la fighetta già fradicia….la carletta mi disse che avrebbe voluto farmi un pompino, ma vista la scomodità del posto voleva subito essere chiavata..ci liberammo degli ultimi indumenti ed io presi a strisciarle la cappella fra le grandi labbra e sul clitoride che si andava scoprendo..poi con un colpo deciso mi aprii la strada dentro di lei facendole sbattere i coglioni contro il suo inguine…….e mentre la pompavo scaricando in lei tanti giorni di astinenza, le infilai una mano fra i nostri ventri fino a giungere al clitoride che presi a stuzzicare, l’altra mano non abbandonava le tette mentre la sua stretta attorno al collo mi piegava ad un bacio profondo mischiando ansimi e saliva… presi a fare un continuo dentro fuori cui lei rispondeva con colpi di pari intensità…fino a quando travolto dal desiderio non la afferrai per il culetto e la sollevai calandola sul mio cazzo, lei mi strinse le cosce e le gambe attorno al corpo, mentre le nostre lingue continuavano a lottare fra loro..ancora pochi colpi profondi e fummo travolti da un orgasmo che ci fece quasi perdere le forze….ci riprendemmo presto, ci staccammo e siccome il mio cazzo era ancora duro come se non avesse appena sborrato, le feci capire che volevo il suo culetto…mi sorrise, si chinò a dare un succhiotto al mio arnese ancora in tiro e si voltò con grazia esibendomi un culetto tondo, sodo, alto, ben falcato, che nascondeva a mala pena un buchetto già eccitato…glielo leccai, infilandole il più possibile di lingua dentro, poi lo puntai con la cappella ed entrai deciso…emise un gemito strozzato ma mi incitò ad andare avanti, io ormai non mi sarei potuto fermare…la inculai con frenesia, mentre le mani continuavano ad impazzire sui capezzoli e le lingue riprendevano la loro lotta…carla venne con un altro orgasmo terribile, dalla fighetta colavano i suoi umori abbondanti e profumati assieme alla mia sborra, la sua stretta si era fatta parossistica,spingeva il suo culetto contro il mio cazzo..mi incitava a venire..ed io la accontentai sborrandole nel retto un’altra quantità incredibile di sperma bollente…ci rilassammo abbracciandoci stretti e mentre ci mormoravamo parole di lussuria ed amore sentimmo bussare alla porta….io risposi che la mia sorellina si era sentita male, ma che stavamo per uscire…avessero un po’ di pazienza…ci rivestimmo, dopo esseri puliti alla belle e meglio ed uscimmo fuori senza a guardare in faccia nessuno….tenendoci abbracciati ritornammo verso il nostro scompartimento non senza fermarci ogni tanto per baci intensissimi…all’arrivo notammo che la distribuzione dei posti era cambiata, le due suore occupavano i due posti che erano stati della coppia, la vecchia appoggiata al finestrino, la giovane all’interno, poi un posto vuoto, poi la zia appoggiata alla porta che ci aspettava, sull’altro sedile il marito contro il finestrino, la moglie con il culo verso le gambe del marito e la testa contro il poggiatesta di separazione, un posto vuoto e il ragazzetto che dormiva contro la porta…la carla ebbe un moto di stizza, voleva starmi vicino, ma la zia la dissuase di svegliare il fratellino e le offri di sedersi a fianco a lei e addormentarsi appoggiandosi a lei…la carletta fece buon viso a cattivo giuoco, anche perché era stanca, e si lascio andare contro la zia…ambedue in poco tempo si assopirono..io mi sedetti e sentii presto il calore della russa vicino a me…ma chi mi sorprese furono gli occhi della suorina giovane, si alzarono un attimo ma vi lessi che lei aveva capito tutto…e ebbe un gesto eloquente , si spostò pian piano fino a far toccare il suo culetto e le sue gambe coperte dalla tonaca contro la carletta..mi guardò nuovamente e mi e sorrise..poi sembrò o finse di assopirsi..io intanto mi ero seduto e notai pian piano la testa di ilenia scivolare dal poggiatesta finchè non finì appoggiata a me, in pari tempo sentii le forme delle tette gravare contro il mio braccio, le ginocchia toccarono le mie e le gambe si strisciarono contro le mie…inoltre una sua mano come per caso mi scivolò sull’inguine fino a interessare il pacco.. la guardai, aveva gli occhi aperti, mi sussurrò di scusarla, che si sarebbe subito spostata…ma intanto pesava sempre di più su di me e la sua mano prese definitivo possesso del mio fratellino che si risvegliava deciso…le risposi accarezzandola e le offersi di uscire a fumare una sigaretta…accettò felice e facendo molta attenzione uscimmo, all’ atto di richiudere controllai che tutti dormissero, tutti dormivano…solo gli occhi della suorina tradirono un lampo birichino…questa suora è veramente intrigante, mi sorpresi a pensare…ma adesso c’era ilenia, a cui dedicarsi…presi ad agire deciso, lei mi lasciò fare ..la accarezzai, la baciai.la strinsi, le proposi di appartarci,di colpo ci baciammo in bocca con tutta la lingua…poi mi disse che prima di far l’amore con me voleva dirmi una cosa…”caro Sandro, non mi giudicare una troia, anche se non sono più vergine da un pezzo, quando ho lasciato la mia terra ero libera, avevo 21 anni, oggi devo compierne 25, la vita da emigrante irregolare è difficile, tutti ne approfittano, per un po’ ho dovuto adeguarmi alla volontà di colui che mi aveva fatto espatriare promettendomi regolare contratto di lavoro, contratto che non esisteva, per rimborsarlo e ottenere la restituzione del passaporto ho dovuto prostituirmi per quasi un anno mezzo, sbattuta da una parte all’altra di italia, appena saldato il mio debito e quindi libera sono scappata in provincia, Grosseto, dove stiamo per arrivare e dove trovai impiego come operaia presso una grande cascina della maremma, e dove bei maschi, sposati o no erano sempre disponibili , lì conobbi il capoccia, aldo, che prese a corteggiarmi e mi propose di sposarlo avendo in cambio la cittadinanza italiana, lui non mi piaceva molto, meglio, mi piaceva poco… ma l’offerta era troppo allettante e aprire una volta di più le gambe non mi spaventava più di tanto…accettai quindi l’ invito a cena a casa sua, pronta a fingere una certa resistenza, ma disposta a farlo godere con tutte le mie arti affinate in quasi due anni da professionista, per realizzare il mio sogno di essere regolarizzata….con mia sorpresa non si andò oltre un casto bacetto alla fine dell’incontro, avendomi lui spiegato che per ragioni di una sua profonda convinzione non voleva assolutamente avere rapporti con la sua promessa se non dopo il matrimonio. Io accettai e non lo contradissi , la posta in palio era troppo importante per discutere, anche se qualche perplessità mi sorse soprattutto per le battute ironiche e i risolini di derisione di alcune mogli di braccianti… alla prima notte di nozze la terribile spiegazione, aldo ha il cazzo più piccolo che abbia mai visto,e ne ho visti tanti!..meno di 10cm in erezione e circonferenza adeguata a questa misura, poco più di un dito!!!da trenta giorni che siamo sposati io sono ormai in grave crisi da astinenza, nonostante mi stia sempre addosso…quando mi penetra riesco a malapena ad accorgermene, un po’ meglio se me lo mette in culo, ma lui rifugge da questa pratica…solo di lingua riesce a darmi un po’ di soddisfazione, ma non si può vivere di solo antipasto….quando ti ho visto uscire con quella troietta vi ho invidiato, ma quando siete rientrati con lei che esibiva una faccetta soddisfatta e sazia, le borse sotto gli occhi…mi è presa la smania…anch’io ho il diritto di godere, anch’io voglio scendere dal treno con il viso di quella che è appagata, soddisfatta… se mi hai capito, se mi credi, puoi sbattermi senza freni e in tutti i miei buchi…vuoi?…”…..io volevo,eccome volevo, la portai nella toeletta grande, le feci uscire le tette dal vestito, rosee, grosse, morbide con due capezzolini che sembravano ciliegine, le arrotolai il vestito alla vita e le tolsi le mutande, dopo baci palpate e succhiate, la misi a pecora contro il lavabo, con una mano le stropicciavo le tette, con l’altra guidavo il mio cazzo di i 18cm duri e tesi, piuttosto grosso anche per la media , a penetrarle alternativamente in figa e culo, fino in fondo, con calma ma decisione…i suoi gemiti cominciarono a diventare troppo forti e dovetti baciarla in bocca per silenziarla…ma quando dopo quasi mezz’ora di questa impegnativa ginnastica le sborrai tutto dentro la figa urlammo la nostra soddisfazione insieme….ci ribaciammo da invasati poi lei uscì e andò avanti per non far capire che eravamo stati insieme…io la segui dopo un po’…arrivai che stavano preparando i bagagli per scendere, ci salutammo con cortesia e ci augurammo reciproca buona fortuna…lui se ne uscì trionfante tenendo la mano libera dal bagaglio sul culo della moglie..io non potei trattenermi dal pensare che era destinato a diventare il più grosso cervo di tutta la maremma..…..nessuno salì alla ripartenza la situazione era la seguente :la vecchia suora dormiva , la giovane non riuscivo a capire se dormisse o fingesse,sempre addossata alla carletta che si era risvegliata e mi guardava cercando di mettere a fuoco la situazione, sempre pressata dal culo e dalla coscia della giovane suora..la zia e il ragazzino dormivano imperterriti..io mi spostai di posto di fronte alla suora giovane e fra me il fratellino si venne a sedere la carletta che mi succhiò un bacio di fuoco e poi si accoccolo addosso a me riprendendo a dormire……..io cominciai a fissare la suorina, mi stava nascendo dentro una strana voglia…improvvisamente aprì gli occhi e mi fissò…sostenne il mio sguardo e mi sorrise, poi riabassò gli occhi, ebbe un movimento strano, allargò le gambe davanti a me, si che il mio piede venne a trovarsi nel mezzo..e rialzò leggermente la sottana, scivolando in pari tempo verso di me…decisi immediatamente,dovevo provarci..mi tolsi le scarpe e lentamente cominciai a spingermi verso di lei..il mio piede toccò la sua caviglia,pronto a ritirarmi, magari chiedendo scusa, la pressai adagio adagio…nessun movimento..ripresi ad avanzare , su, lungo la gamba…sempre più avanti e sempre più deciso, arrivai ai ginocchi che si aprirono quasi automticamente, poi le cosce si separarono e tutto il corpo prese a avanzare verso il mio piede..io spinsi deciso, su fra le cosce, sempre più su fino a quando il mio pollice entrò a contatto con la stoffa delle mutande..ancora un attimo e presi a massaggiarle la figa con colpi decisi cercando di penetrarla nonostante la stoffa..lei era ormai seduta in punta al cuscino e le sue cosce erano larghe quanto lo permetteva la sottana, la sua bocca era socchiusa, la lingua si intravedeva fra le labbra, di colpo aprì gli occhi…mi fissò. Si ricompose , arretrò ..si alzò in piedi facendo ritornare a terra il mio piede e mi chiese ansimando se la facevo uscire…per una necessità….io gentilmente mi scostai facendola passare, intanto provvedevo a far appoggiare la testa della carletta sulla mia giacca arrotolata, poi uscii anch’io…mi aspettavo di vederla in corridoio..non c’era…mi spostai verso la toilette..la vidi, addossata ala parete, rossa, eccitata, mi guardò con occhi di fuoco ma non disse niente, io aprii la toilette, la spinsi dentro, la segui..chiusi la porta…..mi addossai a lei, tentai di baciarla mentre la mia mano rialzava la pesante sottana, cercò di evitare il mio bacio, girando il viso, agitandosi…ma quando riuscii ad insinuarmi oltre le mutande e riuscii a toccare una figa fradicia e odorosa, cessò ogni resistenza, la sua bocca cercò la mia le nostre lingue si fusero in una sola dimostrandomi che eccome sapeva baciare, mentre le sue braccia mi stringevano fortissimo..io potei così dedicarmi alla sua veste mi riuscì ad alzarla fino alla vita, le calai ai ginocchi le mutande, più giù impossibile per certi legacci, poi estrassi il mio cazzo che per l’eccitazione di una seduzione così incredibile, era ormai duro come il marmo,e presi a strofinarglielo fra le grandi labbra…baciandomi con sempre maggio decisione spinse la sua figa contro il mio cazzo che rispose con un colpo deciso..ero entrato tutto nella sua topona…stavo chiavando un giovane suora..diventai come assatanato, pompai con furore e lei rispondeva ai miei affondo con colpi altrettanto decisi nelle nostre bocche si mischiavano ansimi saliva e mugolii….ad un certo punto si irrigidì cominciò a tremare, gli occhi quasi strabuzzati, in preda ad un organo che così intenso non avevo mai visto..io rallentai pronto a ripartire appena lei fosse tornata in sé…ma lei mi precedette, si sfilò il cazzo dalla figa fradicia di umori , si lasciò cadere in ginocchio, prese il cazzo, lo baciò quasi con religiosità, poi se lo ficcò in gola, prese a leccarlo e succhiarlo come una idrovora, fino a che non sborrai…bevve tutto senza perderne una goccia, poi si rialzo, mi strinse a sé disperatamente…doveva lasciarmi..mi confessò che l’aver visto che mi fottevo le compagne di viaggio con loro grande evidente soddisfazione l’aveva progressivamente eccitata fino a perdere il controllo, mi rassicurò che di sesso sapeva tutto, alla morte della madre era stata la puttana del padre e dei quattro fratelli che se la scopavano già da molto prima…fino a quando non era fuggita dalle suore per schifo e nausea del sesso, ma questa notte aveva improvvisamente ceduto al desiderio che l’aveva travolta…mi salutò di nuovo, si rimise a posto la veste e se ne fuggì….al mio ritorno allo scompartimento aveva ripreso il posto a fianco della consorella, timida e schiva..nulla avrebbe potuto far pensare ad una follia come quella avvenuta in una toilette sporca e maleodorante di un vagone di 2 classe……i ragazzi dormivano, mentre la zia era in piedi fuori dallo scompartimento…la guardai con occhio indagatore, era veramente discreta, ma soprattuto era eccezionale il petto che riempiva al massimo il reggiseno a balconcino e di conseguenza il maglioncino dalla profondissima scollatura…le chiesi quanto si sarebbe fermata a roma..mi rispose di non saperlo, avrebbe voluto vedere la città, ma il cognato e la sorella avrebbero avuto troppo da fare per pensare a lei..e lei da sola era troppo un pesce fuor d’acqua..mi addossai a lei, la sovrastavo in altezza, le passai un braccio confidenzialmente sulle spalle e le chiesi l’onore di accompagnarla in giro per tutto il tempo da lei desiderato….si lasciò stringere, lasciò che la mia mano che scendeva dalla spalla vagasse pericolosamente sul suo stupendo davanzale giù, quasi dentro la scollatura, alzò gli occhi, mi sorrise e mi disse che accettava riconoscente e che non avrebbe mai avuto il coraggio di chiedermelo, ci scambiammo un casto bacetto,mentre la mia mano vagabonda poteva apprezzare completamente i pregi del suo seno e dei suoi capezzoli.. le passai il mio biglietto da visita con i miei telefoni e arrivai a dirle che l’aspettavo per farle vedere tutto ciò che meritava essere visto ma che soprattutto l’aspettavo con vera ansia e forte desiderio di meglio conoscerla ed apprezzarla in tutto e per tutto in ogni senso…sempre che le piacessi come tipo.lei di nuovo mi ringraziò con un sorriso dolcissimo, aggiungendo che per lei sarei stato un compagno come mai avrebbe pensato di incontrare….quando uscirono i due fratelli, roma era alle porte, carla mi si addosso e mi fece riapprezzare la sodezza del suo seno e il calore della sua coscia, la zia si girò verso il nipote…lo abbracciò e guardandomi fissa gli schiacciò la testa contro il suo opulento seno …..il viaggio stava finendo…in quel momento ci passarono davanti le due suore, la vecchia neanche salutò, la giovane ci ringraziò cumulativamente per aver reso meno pesante il viaggio…e scivolarono via senza neanche voltarsi…la notte era veramente finita….oggi era un altro giorno…forse

[Total: 0    Average: 0/5]

Ora sei Offline, Navigazione Limitata