Gay e BisexTriangolo

Il sogno avverato

Finalmente sono riuscita a realizzare la fantasia che Daniele sognava da una vita: un threesome con due ragazze.
Giulia è stata la prima ragazza con cui ho scopato da sola e la piena conferma della mia bisessualità. Ha un bel fisico snello, carnagione chiara, capelli biondi e occhi azzurri. L’unica pecca sono le sue tette: un po’ troppo piccole per i miei gusti.
Dopo aver scopato con lei, le ho subito parlato di Daniele e della sua fantasia di farlo in tre con due ragazze. Giulia mi è sembrata molto entusiasta della cosa e quindi abbiamo cercato di organizzare questa piccola orgia.
In attesa di trovare il momento giusto, ci siamo tenuti in contatto attraverso un gruppo Whatsapp: fin da subito è stato chiaro che io e Giulia saremmo state le sue schiave e Daniele il nostro padrone. Ci siamo scambiati molti messaggi e foto estrapolate da video porno per condividere tutte le porcate che avremmo voluto fare e qualche volta abbiamo anche fatto delle videochiamate di gruppo per masturbarci e godere insieme.
Finalmente la settimana scorsa abbiamo trovato un giorno libero e io e Giulia abbiamo preso un treno per raggiungere la città in cui vive Daniele. Poco prima di arrivare a destinazione, Daniele ci ha ordinato di toglierci slip e reggiseno e noi, da brave schiavette, siamo andate in bagno per eseguire il suo ordine.
Una volta arrivate, abbiamo trovato Daniele ad aspettarci in macchina. Io sono salita davanti e l’ho salutato con un bel bacio caldo sulle labbra, Giulia invece si è seduta dietro e, dopo le presentazioni, anche lei e Daniele si sono salutati con un bacio.
Non appena siamo usciti dalla città, ho messo la mano tra le gambe di Daniele per salutare anche il suo cazzo che iniziava ad essere già bello duro per via della situazione particolarmente eccitante. Il mio gesto ha dato il via ad una serie di palpatine: c’erano mani che si intrecciavano ovunque. Daniele ha iniziato ad accarezzare le mie tettone, poco dopo anche Giulia ha messo le sue mani sulle mie tette. Poi io e Daniele abbiamo accarezzato le tette di Giulia e le abbiamo fatto anche un ditalino, la sua fica era già bagnata e vogliosa di cazzo.
Finalmente arriviamo a casa, sia io che Giulia abbiamo bisogno di fare una doccia dopo il viaggio in treno. Ci diamo un bacio a tre e le nostre lingue si incastrano benissimo. Mi spoglio e prima di entrare in doccia do un bacio veloce al mio cazzo preferito, poi lascio Daniele e Giulia da soli per fare conoscenza. Finita la doccia, li raggiungo in camera da letto e li trovo completamente nudi, mentre Giulia sta facendo un pompino. Mi avvicino a lei e le spingo la testa contro il cazzone di Daniele fino quasi a farla soffocare. Quando sento che le manca il respiro, allento la presa e la lascio libera. Adesso tocca a lei fare la doccia e io resto da sola con Daniele. Mi avvicino alla mia borsa e tiro fuori una busta con i miei giochini: uno dildo, un vibratore e uno strap on. L’espressione di Daniele è dapprima sorpresa poi diventa eccitata e anche il suo cazzo inizia a farsi bello duro. Lo prendo per mano e gli dico di sedersi sul bordo del letto, con le gambe semi aperte. Mi metto di fronte a lui e apro l’accappatoio: le mie tette sono all’altezza del suo viso. Ritrovo i suoi occhi a cuoricino, classici di quando vede le mie tettone. Inizia a baciarle, a mordermi i capezzoli, a stringerle tra le mani, sembra quasi che voglia mangiarle tutte e questa cosa mi piace tantissimo, mi manda fuori di testa. Mentre lui è ancora alle prese con le mie tette, io gli faccio una sega.
Poi mi chiede di vedere meglio i miei sex toys e mentre gli mostro lo strap on, Giulia entra in camera da letto dopo aver finito la doccia. Daniele ordina a Giulia di indossarlo e di scoparmi. Io mi allungo sul letto, apro le gambe per accogliere il cazzo indossato da Giulia e lei piano piano inizia ad infilarmelo tutto dentro. All’inizio Daniele si gode la scena e si accarezza lentamente il cazzo, poi si avvicina e mi mette il suo cazzo in bocca. Giulia intanto ha aumentato il ritmo della scopata, è bravissima a penetrarmi nonostante sia la prima volta per lei. Daniele invece mi scopa la bocca mentre io gli accarezzo le palle piene di sborra calda. Sto quasi per venire, Daniele se ne accorge e interrompe Giulia, vuole tenermi sulle spine.
Io e Giulia riprendiamo fiato, mentre Daniele si allunga sul letto e mi chiede di cavalcarlo. Non me lo faccio ripetere due volte, afferro il suo cazzone e me lo metto nella fica. Scendo lentamente sul suo cazzo fino a sentirlo tutto dentro. Inizio a cavalcarlo prima lentamente e poi sempre con più foga mentre lui e Giulia mi stringono forte le tette. Questa volta Daniele non interrompe il mio piacere ed io ho un orgasmo con il suo cazzo nella mia fica, gli riempio il cazzo dei miei umori. Dopo aver goduto per bene, io e Giulia lecchiamo insieme il cazzo di Daniele. Sembra una gara a chi lo lecca di più, ce lo contendiamo a vicenda. All’inizio vince lei e io devo accontentarmi di leccargli le palle, poi finalmente riesco ad avere l’ambito trofeo tutto per me e non lo lascio più. Lo succhio come una vera troia, infilo la lingua nel buchino del cazzo dove più tardi uscirà tantissima sborra per noi due.
Poi Daniele fa allungare Giulia e infila il suo cazzo duro nella sua fica. La scopa per bene mentre io mi metto dietro di lui e gli accarezzo le palle. Infilo un dito nella fica di Giulia che è già piena del cazzone di Daniele, ma è sufficientemente grande e larga da riuscire ad accogliere prima un dito, poi due, poi tre ed infine quattro. Nella sua fica c’è il cazzo di Daniele e quattro dita mie, è una bella sensazione quella che provo: sento la sua fica bagnata e il cazzo di Daniele che si muove dentro di lei.
Infilo lo strap on per alternare il mio cazzo con quello di Daniele nella fica di Giulia. Mentre aspetto che mi faccia posto, vado dietro di lui e improvvisamente mi viene voglia di far provare il mio strap on al suo culetto. Mi avvicino impugnando il mio cazzo di gomma e lo punto dritto verso il suo buco, lo appoggio su di lui e al contatto Daniele si gira sorpreso e mi ammonisce “Che cazzo fai troia? Ti sei dimenticata che io sono il tuo padrone e tu la mia schiava?”. Ma io sono troppo presa dall’eccitazione e quella frase non sortisce nessun effetto, continuo a strusciare il mio cazzo tra le sue chiappe. La mia immaginazione corre veloce, vorrei scopargli il culo con il mio cazzo, ma il mio padrone mi riporta alla realtà prima che per lui sia troppo tardi. Sfila il cazzo dalla fica di Giulia, mi fa mettere a pecora, sputa sul mio culo un po’ di saliva e mi incula con violenza. Io lo prego di fare piano, ma lui mi zittisce. Pian piano il dolore si trasforma in piacere e inizio a godere con il suo cazzo nel culo. Giulia si posiziona in modo che possa leccarle la fica. Ad ogni colpo di Daniele corrisponde una leccata di fica più profonda per Giulia, poi lui spinge la mia testa contro la sua fica in modo che io possa leccarla per bene.
Dopo avermi sfondato il culo, Daniele mi ordina di scopare Giulia con lo strap on. Lei si allunga, io le apro le gambe, afferro il mio cazzo di gomma e lo punto dritto verso la sua fica larga e bagnata. Il cazzo entra tutto in un colpo solo. Inizio ad affondare il cazzo sempre di più nella sua fica, le espressioni di Giulia sono un misto di dolore e godimento. Daniele si avvicina con il suo cazzo alla bocca di Giulia e gliela scopa come se fosse la fica. Continuo a scopare Giulia finché non ha un orgasmo. Daniele allora ci ordina di fare un 69 e noi da brave schiavette eseguiamo subito, lei si mette sotto e io sopra. Inizio a leccarle il clitoride e lei fa lo stesso con me. Daniele mi aiuta ad allargare bene la fica di Giulia affinché io possa leccarla tutta e poi mi spinge la testa contro. Solo quando sente che mi manca il respiro, finalmente mi lascia libera. Giulia continua il suo lavoretto alternando leccate alla fica a piccoli morsi sul clitoride che mi eccitano particolarmente.
Dopo esserci leccate per bene e a vicenda le nostre fiche, Daniele mi ordina di cavalcarlo. Mi siedo sul suo cazzo, stavolta sono vogliosa e scendo velocemente fino a sentirlo tutto dentro. Ho la fica piena del suo cazzone grosso. Inizio a muovermi su e giù facendo strofinare il clitoride su di lui. Sono sempre più eccitata e bagnata. Daniele mi stringe forte le tette, mentre Giulia me le lecca e morde i capezzoli. Non resisto più, gli dico che sto per venire e dopo poco riempio il cazzo di Daniele dei miei umori. Continuo a cavalcare il suo cazzo anche dopo l’orgasmo, mentre Daniele chiede a Giulia di sedersi sul suo viso in modo da leccarle la fica. Sia io che Giulia siamo su di lui, io sul suo cazzo e lei sul suo viso. Daniele inizia a leccarle la fica sempre più voracemente finché anche Giulia ha il suo orgasmo.
Io e Giulia siamo sfinite dai nostri orgasmi, manca solo Daniele. Inizia a farsi una sega e per godere di più ordina a Giulia di scoparmi con lo strap on. Giulia lo indossa ed esegue l’ordine del nostro padrone. Mi scopa prima lentamente e poi aumenta il ritmo. Il respiro di Daniele si fa sempre più affannoso fino a quando ci avvisa che sta per sborrare. Giulia smette di scoparmi ed io mi avvicino con la bocca al suo cazzo. I primi tre schizzi di sborra mi entrano in bocca e me la riempiono, altri due schizzi finiscono in parte sul mio viso e in parte sulla sua pancia.
Dopo aver finito di sborrare, Daniele mi ordina di baciare Giulia e di passarle la mia sborra. Ovviamente non me lo faccio ripetere due volte e le do un bacio con tanta lingua al gusto di sborra. Dopo il bacio lei apre la bocca, mostra a Daniele la sborra che gli ho passato e poi la ingoia. Io lecco la sborra che è finita sulla pancia di Daniele e poi lui raccoglie con un dito quella che ho sul viso e mi fa leccare il suo dito con la sborra.
Siamo esausti, ci addormentiamo tutti e tre nudi nel letto matrimoniale.
Il giorno dopo io e Giulia ci svegliamo prima di lui e decidiamo di fargli un altro regalo, vogliamo realizzare un altro suo desiderio. Spostiamo le coperte e iniziamo a leccargli il cazzo piano piano. Sicuramente il suo cazzo è più sveglio, reagisce subito alle nostre lingue e si indurisce. Daniele si sveglia e accarezza le nostre teste spingendole contro il suo cazzo. Quando il suo cazzo è bello duro, ci fa mettere a pecora una accanto all’altra. Inizia a scopare prima me, mentre sculaccia Giulia. Poi i ruoli tra me e Giulia si invertono. La scopa finché non sta per sborrare. Ci fa inginocchiare davanti al suo cazzone e noi siamo come in adorazione, in attesa di fare un’abbondante colazione a base di sborra. E Daniele non tradisce le nostre aspettative: sborra prima nella mia bocca e poi in quella di Giulia. Prima di ingoiarla tutta, ci diamo un bacio a tre con tanta lingua.
Dopo la scopata mattutina, è ora di andare via. Daniele ci riaccompagna in stazione e, prima di andarcene, ci salutiamo con un bel bacio a tre lingue.

Vota questo racconto

You may also like

Comments are closed.