Triangolo

Un bicchiere di troppo

Doveva essere solo uno stupido scherzo. Ne avevamo parlato tantissime volte: io,lei e un’ altra, ma anche un altro, tanto era solo uno scherzo, un innocente gioco. Quella sera non aveva tanta voglia di uscire. Sara in inverno preferiva restare a casa,con la sua tazza di tisana bollente e il suo inseparabile plaid sulle gambe. Io insistei molto, quella sera non ce la facevo a restare a casa di nuovo, meglio una birra in piazza, al nostro solito bar sotto casa. Si alzò di scatto, e nel giro di pochi minuti si fece trovare pronta. Arrivammo al bar intorno alle 23,00, non c’era tanta gente,Sara era molto annoiata e la mia insistenza nel convincerla a scendere l’aveva molto stizzita;ordinò subito un Southern Comfort, un wiskie dolce, io la mia solita vodka. Dopo un’ora e tre giri di cicchetti vedevamo doppio. Il nervosismo di inizio serata era passato.L’alcol aveva riappianato la situazione, ora eravamo brilli e pronti per tornare a casa a farci una sana scopata. Chiedo il conto, ma il cameriere mi arriva al tavolo con un altro bicchiere di wiskie e con uno di vodka:”Sono offerti da quel ragazzo seduto al tavolo in fondo”- mi dice. Mi giro guardo il nostro “benefattore” e gli sorrido, con un cenno gli chiedo di avvicinarsi, lui prende il borsone che ha sotto il tavolo e si avvicina.E’ alto, spalle larghe, capelli mossi e sguardo sveglio.Sara lo spoglia con gli occhi. Si chiama Lucas, è un immigrato della repubblica domenicana, lavora qua come cuoco in un ristorante etnico. Iniziamo a parlare, dice di averci offerto da bere perchè si divertiva a guardarci, gli ricordavamo lui e la sua fidanzata domeninicana. Ormai l’alcol salito alla testa è tanto, ma lucas è simpatico e vale la pena continuare la chiacchierata. Inizia a piovigginare, quelle classiche goccioline insistenti e sottili. Ci ripariamo sotto la tenda del bar, ma non basta. Sara mi guarda mezza ubriaca, poi guarda il nostro nuovo amico e gli chiede di salire a casa nostra per continuare la chiacchierata al caldo e all’asciutto. Lucas accetta immediatamente. Lo sguardo che sara mi aveva fatto prima di invitare lucas a casa, non mi era paiciuto affatto. Sara non regge l’alcol e poi quando è ubriaca scopa come una selvaggia…due+due..
Saliamo a casa, via i cappotti e ci ritroviamo sul divano a sorseggiare ancora qualcosa. Sara si allontana per cambiarsi i jeans bagnati dalla pioggia.
Torna dopo 5 minuti con un vestitino di lana verde corto fino ai glutei e scollato sul seno, un cinturone nero in vita e degli stivali al ginocchio.
Lucas la guarda arrapato.Io vado in cucina e la chiamo, senza gridare per non farmi sentire dal nostro ospite le chiedo come cazzo si è vestita: lei mi morde il labbro, mi mette una mano sui pantaloni e mi dice, “dai,rilassati”.
In realtà il mio cazzo, alla sola idea di quello che sarebbe potuto succedere era già in tiro da un pezzo. Cerco di riordinare le idee in cucina, penso a quello che sta succedendo, bevo un goccio di vodka e mi affaccio dalla porta per vedere la situazione in salotto. Sara era seduta sul divano accanto a lucas, appena mi vide sulla soglia della porta fece scivolare la mano sulla patta dei suoi pantaloni.Un brivido mi attraversò. Restai sulla soglia della porta a osservare la scena. Sara caccio fuori il cazzo di lucas e lo iniziò a toccare, lui le accarezzò i capelli e la portò con la bocca all’altezza della sua cappella.Le labbra di Sara iniziarono a sfiorare quella cappella mulatta, poi la lingua ne iniziò a gustare il sapore. La lingua di sara passava veloceemente dalle palle al cazzo di lucas.La pompa durò pochissimo, il nostro nuovo amico si alzò prese sara per mano e la portò vicino la sedia di ferro che abbiamo vicino il balcone.Si sfla i pantaloni, si abbassa le mutande e caccia fuori un cazzo di proporzioni smisurate. Sara lo guarda arrapatissima, lui si siede, la prende per i fianchi e la fa sedere su quel cazzo enorme e la inizia a stantuffare lentamente. Sara inizia a gemre e a godere. Con le sue mani lunghe poi le abbassa il vestito sulla pancia e le inizia a leccare le tette. Io ormai eccitato come un porco inizio a toccarmi il cazzo, anche i mie pantaloni vanno giù e la mia mano accompagna il ritmo con cui Lucas si scopa la mia ragazza. La situazione mi piace, mi avvicino e inizio a toccare le tette di Sara che con uno sguardo da troia mi guarda a mi sorride poi senza dire niente mi prende il cazzo in mano e me lo inizia a leccare.Lucas si rende conto che ci sono io e si ferma. Sara scende da quel cazzo enorme e si appoggia con la bocca sulle palle di Lucas volgendomi il culo. La mia ragazza in mezzo a me e a un mulatto, con un cazzo in bocca e uno nella figa. Solo nei nostri sogni era successa, e invece eravamo lì a godere come dei porci. Sono venuto dopo nemmeno dieci minuti, ero eccitatissimo.La mia sborra colava dalla figa bagnata di Sara, che d’improvviso si alza mi prende e mi mette il cazzo di lucas in mano. Che sensazione, mai avrei pensato..e invece dopo averlo toccato per bene lo iniziai a leccare e succhiare .Lucas venne in maniera copiosa sulla faccia della mia ragazza che intanto era stesa a terra a leccarmi le palle mentre io spompinavo il nostro amico.Ci addormentammo nudi sul divano del salotto. Quella volta non era stato solo un sogno..

Vota questo racconto

You may also like

Appagamento

La sera prima c’eravamo solo sentiti. Sera, insomma, poteva essere mezzanotte. Mezzanotte e mezza. Comunque ...

Comments are closed.