Scuola Guida

A volte mi capita di sognare ad occhi aperti. L’altro giorno ho scoperto, nascosto dietro alcuni scatoloni un pacchetto inconfondibile, legato con un nastro rosa: le lettere che ci siamo scritti durante il militare con mia moglie ora, la mia fidanzata allora.
Ne ho presa una a caso : come tutte le altre era piena di frasi affettuose e di promesse che poi non sono state mantenute. In questa lei, mi raccontava un episodio durante le lezioni di scuola guida. Mi diceva che era a bordo dell’auto con altri due ragazzi e l’istruttore e che questi raccontavano le loro avventure con le rispettive fidanzate per farla arrossire. Si erano anche meravigliati che fosse ancora vergine e l’avevano presa in giro.
Io mi sono immaginato la scena.
Davanti alla scuola guida c’erano due giovani e lei. La guardavano con interesse, lupi sempre in caccia di prede. Questa sembrava la classica ragazza per bene, senza grilli per la testa, posata e quasi algida.
Nonostante portasse un abito castigato si intravvedevano i seni prosperosi sotto la giacchetta. La gonna avvolgeva due fianchi leggermente opulenti che continuavano in due gambe robuste e tornite. L’insieme era sensuale e i due giovani avvertivano una notevole attrazione. La ragazza portava gli occhiali e sembrava indifferente ai loro sguardi.
Quando arrivò l’auto dell’istruttore, uno dei giovani si posizionò davanti e l’altro dietro con la ragazza. Questa per entrare, data la difficoltà di accesso al sedile si tirò su leggermente la gonna stretta mostrando l’inizio di due cosce bianche e seducenti. Quando l’auto si mise in moto i giovani cominciarono a parlare
– Bisogna che stia attento oggi, perché sono particolarmente stanco..ieri notte non ho chiuso occhio! –
– Cosa ti è successo? – chiese l’altro ridacchiando. Evidentemente avevano preparato il discorso prima.
– E’ colpa della mia morosa – aveva ripreso il primo – ieri sera, finalmente si è decisa… –
– E cioè? – chiese l’altro, guardando la ragazza di sbieco.
– Non so se si può dire…con una ragazza presente…ma me l’ha data! –
– E ti vergogni? Guarda che anche la signorina è fidanzata e lo sa che sono cose che capitano vero signorina? –
La ragazza arrossì e non disse nulla. Intervenne l’istruttore
– Lasciate stare la signorina. Non vedete che è di un’altra pasta lei? –
– Io non ci credo – riprese il ragazzo seduto dietro – cosa dice il suo fidanzato? –
– Niente. Il mio fidanzato è nei militari… –
– Avete sentito? E’ nei militari. Allora lei è sola! E non sente il bisogno di qualcuno che le sia vicino? Ah! Con tutti i ragazzi che ci sono in giro, vuole perdere il momento più bello della sua vita? Suvvia signorina, si goda la vita un poco anche lei. Sa che mi piace da morire? Ha un corpo favoloso, potessi essere io il suo fidanzato! Scommetto che dentro di lei, le piacerebbe provare a spassarsela con un altro… –
Così dicendo il giovane le mise una mano sul ginocchio. La ragazza trasalì
– La smetta subito –
Il giovane non si arrese. Le lisciò la gamba guardandola negli occhi.
– Lei non mi dice la verità signorina. Io me ne intendo di donne. Lei ne ha una voglia matta ma non trova il coraggio, si rilassi su, mi lasci fare.- Sotto gli occhi attoniti dei due davanti il giovane accarezzava la gamba della giovane mentre questa guardava la mano e non diceva nulla. Il suo volto si era imporporato e i suoi occhi erano lucidi.
Ora il giovane si avvicinò alla ragazza e la baciò sulla bocca. Lei non reagì. Quando lui si staccò lei sussurrò – La prego mi lasci stare –
– Certo – continuò lui sorridendo – dopo… – Con la mano salì al seno e le toccò una coppa. La giovane ebbe un fremito e chiuse gli occhi. – Ecco brava così – continuò il giovane accarezzandole la coppa – lasciati andare –
La mano ora aveva aperto la giacchetta e si era intrufolata fra i bottoni. L’istruttore si guardò attorno. Erano ai piedi della collina. Fece cenno al conducente di prendere una stradina in salita. Intanto il giovane dietro aveva sbottonato la camicetta e aveva portato alla luce i grandi globi bianchi con i bei capezzoli. Ora la ragazza gemeva sotto le carezze e sembrava sciogliersi. Della severa giovane di prima non c’era più traccia. Intanto il guidatore si guardava attorno alla ricerca di un posto adatto per fermarsi. Il giovane dietro aveva ora messo una mano sotto la gonna della ragazza e cercava il sesso
– Senti come ti stai bagnando! Ne hai voglia vero? Vedrai tesoro che ti faremo felice –
L’auto si inoltrò in un sentiero solitario e si fermò. I due uomini davanti si voltarono a guardare lo spettacolo. Videro le robuste gambe bianche della ragazza scoperte fino alle cosce e la mano del giovane che stava allentando le mutande. Uno dei due si mise in ginocchio e con le mani cominciò a toccare i seni della ragazza che si stava contorcendo sotto le carezze del vicino.
L’istruttore scese dall’auto e risalì dietro di fianco alla giovane seminuda. Le afferrò le grandi mammelle cominciando a succhiarle. Ora la ragazza si era lasciata completamente andare. Un poco alla volta i due uomini le tolsero gli indumenti lasciandola completamente nuda. L’atmosfera nell’auto si era arroventata e i tre corpi si stavano mescolando. Mentre il giovane continuava a masturbarla l’istruttore si era aperto i pantaloni e le aveva messo in mano il suo grosso pene. La giovane cominciò a muoverlo avanti e indietro rossa in viso e accaldata. Sembrava una furia. Si chinò sul pene e cominciò a succhiarlo. Il giovane le aveva alzato una gamba e le stava toccando il buco del sedere.
Poi l’aveva fatta mettere in ginocchio e mentre lei continuava a succhiare il pene dell’istruttore, le aveva appoggiato alle grandi labbra il pene, mentre l’altro dal davanti le manipolava le mammelle e le strizzava i capezzoli.
Il giovane dietro disse tutto eccitato – Sono un bravo ragazzo. Non ti voglio sverginare ma nel culetto te lo metto tutto – Così dicendo le aprì le natiche e le inserì a forza il pene. La ragazza urlò dal dolore, poi cominciò a mugolare man mano il pene si lubrificava. Intanto l’istruttore era venuto in bocca alla giovane mentre quello davanti si preparava a sostituirlo. Con un grido quello di dietro venne inondandole le viscere col suo liquido. L’istruttore lasciò il posto al giovane davanti che infilò il proprio pene fra le soffici coppe della ragazza facendosi masturbare fino a venire con un getto copioso che le bagnò i seni. Dopo tutto il furore sacro, il silenzio calò nell’auto. Il giovane che aveva iniziato per primo disse – Chissà cosa racconterai al tuo fidanzato per lettera… –
Ora lo so.

[Total: 0    Average: 0/5]

Ora sei Offline, Navigazione Limitata