Car Sex.
Car Sex.
Prime esperienzeTradimenti

Una sorpresa in auto

Mi chiamo Melissa, sono campana ho 36 anni sposata da 18 anni con una filgia, mi sono decisa a scrivere perchè voglio far sapere cosa mi è successo; premetto che non ho mai tradito mio marito, sessualmente ho conosciuto solo lui, gli altri li ho visti in foto ,in cam oppure in televisione.

Tutto successe una sera, dovevamo andare ad una festa con amici ma mio marito che e medico ebbe una chiamata dalla clinica poco prima che uscissimo di casa e dovette andare,non mi restava altro da fare che disdire,ma mio marito chiese ad una coppia di nostri amici di accompagnarmi, furono felici di farlo,specialmente lui,che più di una volta mi aveva fatto capire di avere un debole per me’.

Tutto filo liscio alla festa ci divertimmo, ballammo, bevemmo, bella festa insomma, solo che verso le 23 la mia amica si senti poco bene e volle rientrare a casa, ma visto che la festa non era finita, disse al marito di accompagnarla e di ritornare alla festa anche perche doveva riportarmi a casa, visto che mio marito faceva tardi e cosi fece.

Quando rientrò Marco ”questo è il suo nome” continuammo a parlare e bere un po’ insiemme agli altri,la serata volò via senza che mi accorgessi di come lui mi fissava. Finita la festa mi riaccompagnò a casa, dovette prendere l’autostrada, visto che abito fuori citta; e qui accadde l’inaspettato, mentre guidava si parla del più e del meno anche di cose intime, cosa che mi fece andare un pò su di giri, quando lui mi chiese se gentilmente gli aggiustavo la cintura di sicurezza sul petto che era incrociata e gli dava fastidio, mi accinsi a farlo quando a colpa di una curva gli fini addosso, e con una mano gli tastai il ventre per ripararmi dalla caduta. sorpresa delle sorprese senti un rigonfiamento non da poco, e per scherzare gli dissi: “che hai rubato un salame dalla festa?”

Con mia sorpresa lui accosta in sosta d’emergenza slaccia il pantalone e tira fuori un pene che in vita mia non ne avevo mai visto di cosi grandi.

Restai a fissarlo per un po’, e lui capito il mio stupore mi disse: tuo marito non ha un cazzo cosi,vero? feci segno di no con la testa sempre guardando quel pene che prendeva forma quando marco mi fà: “se vuoi e tutto tuo!”

Non so che mi prese in quel momento ma mi venne spontaneo prenderlo in mano e cominciare una sega, più continuavo e più diventava grande, allora marco mi prese con una mano per dietro la testa dirigendomi verso il suo pene, e una volta li non feci ostacolo ad accoglierlo nella mia bocca dando inizio ad un pompino bellissimo.

Ero presa come non mai da quel che stavo facendo,anche perchè mio marito dice sempre che sono bravissima nel farlo, e cercavo di mettere in atto tutta questa mia bravezza, succhiavo la sua cappella con avidità alternando succhiate alla cappella e alle palle, poi cercavo di farlo scivolare dentro la mia bocca per quanto più potevo, ma date le sue dimensioni ( circa 26cm ) una parte ne restava comunque fuori, dopo circa dieci minuti di quel che ricordo come il pompino più bello della mia vita mi disse di passare sui sedili posteriori della sua jepp, spazio in abbondanza, una volta dietro mi chino sui sedili e afferrato per una mano il suo pene do indirizzo nelle  mia fica, quando entro con tanta dolcezza mi senti aprire in due ma la sensazzione che provavo era paragonabile solo alla mia prima volta…era bellissimo sentire quello splendido pene che entrava ed usciva dalla mia fica allargandola sempre di più, finche un orgasmo violento non mi fece urlare dal piacere. Ormai ero tutta un lago e il suo pene facilitato dal mio umore entrava ormai tutto dentro urtando contro il collo dell’utero,quando mi chiese se volessi provare di più,non seppi dire di no,e tirato furo il cazzo dalla mia fica lo indirizzo verso quel che sarebbe stato il suo buco preferito, cerco di bagnarlo quanto più poteva, aiutandosi con la saliva finche comincio a spiengere,quando dopo poco la testa fù dentro mi senti lacerare tutta e appena si accorse di essere dentro con la testa diede un colpo secco facendo entrare l’asta per quasi tutta la lunghezza, il dolore che provai mi porto ad urlare come una pazza, e lui per evitare gli urli mi copri la bocca con una mano, mentre con l’altra teneva aperte le natiche per favorire il rapporto.

Dopo qualche minuto il mio ano si era dilatato e facilitava l’ingresso del suo cazzo che era diventato di marmo,continuò a scoparmi nel kulo per circa dieci minuti,mentre i miei orgasmi si ripetevano,quando fu’ pronto diede dei colpi violenti faccendolo entrare tutto dentro, a tal punto da sentire le sue palle contro il mio culo, una sensazione bellissima stava per venire non reggeva più lo tiro fuori e fece 5/6 spruzzi di sborra caldissima sulla mia schiena, tanta ne era che la sentivo a partire dal kulo a finire fino al collo, una cosa incredibile per mè.

Restammo fermi per circa 5 minuti senza fiatare finche lo guardai e gli dissi grazie, lui prendendo il mio viso tra le mani mi disse: sei una donna fantastica, mi hai portato in paradiso stasera, poi ci ricomponemmo e mi riportò a casa.

Inutile dirvi che da allora ci rivediamo ogni tanto per scatenarci in rapporti bellissimi e intensi: mai mi sarei aspettata di fare certe cose con un’uomo che non fosse mio marito. magari la prossima volta vi raccontero dei nostri incontri segreti, ciao

Vota questo racconto

You may also like

Comments are closed.